Giuliano aveva solo 20 anni. Lo schianto tremendo contro una vettura: morto sul colpo


Siamo a San Sebastiano al Vesuvio, nella provincia di Napoli. È qui che un terribile incidente è costato la vita a un giovane centauro. Un ragazzo di 20 anni, Giuliano Finicelli, residente a Cercola, è morto a seguito del sinistro stradale, verificatosi in via della Libertà. La dinamica del sinistro non è stata del tutto chiarita al momento. Sembra che il ragazzo in questione stesse percorrendo via della Libertà alla guida del suo scooter, quando è andato a finire contro un’automobile. Le ragioni dello scontro sono ancora sconosciute: quel che è certo è che l’impatto è stato forte.

Sul posto sono arrivati immediatamente i sanitari del 118, ma i soccorsi, per quanto tempestivi, sono stati inutili. Il 20enne era morto sul colpo. Sul posto sono giunti anche i carabinieri della locale stazione, che hanno effettuato tutti i rilievi del caso per determinare l’esatta dinamica dell’incidente. Al momento, la salma della giovane vittima è stata portata all’obitorio dell’ospedale Secondo Policlinico di Napoli. Continua a leggere dopo la foto









Restiamo in attesa dell’autopsia, che aiuterà a determinare le cause esatte dell’incidente a San Sebastiano. Guidare una motocicletta non è esattamente un’attività semplice, e potrebbero essere diversi i fattori che hanno concorso allo scontro fatale. Le nostre strade ormai sembrano sempre meno sicure, e questo vale in particolare per i centauri. Basti pensare al tifoso del Napoli che, poco più di un mese fa, ha perso la vita dopo essere scivolato mentre era alla guida della sua moto. Continua a leggere dopo la foto






Al momento attendiamo ulteriori sviluppi della vicenda di San Sebastiano e ci auguriamo che le dinamiche del sinistro vengano presto chiarite. Non sono buoni gli ultimi numeri sugli incidenti stradali in Italia. Dopo un anno di incoraggiante calo le cifre relative ai primi mesi del 2019 parlano di un +7% di vittime da sinistri stradali. Continua a leggere dopo la foto



 


Continuando di questo passo sembra purtroppo allontanarsi l’ambizioso obiettivo del piano UE secondo cui l’Italia sarebbe dovuta scendere nel 2020 a ‘soli’ 2000 morti, visto che le stime proiettano la cifra finale di quest’anno a circa 3.500.

Ti potrebbe anche interessare: Michelle Hunziker e Tommaso ai ferri corti, lite al parco e voci di crisi sempre più forti

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it