Svolta nell’omicidio Luca Sacchi, ritrovato lo zaino della fidanzata: ecco cosa conteneva


Svolta interessante nella vicenda dell’omicidio di Luca Sacchi: lo zaino di Anastasiya Kylemnyk, la fidanzata di Luca Sacchi, è stato ritrovato. Sparito dalla notte dell’omicidio del 24enne romano, ucciso nella zona di Colli Albani, lo zaino (che avrebbe dovuto contenere i soldi da consegnare ai due pusher) è stato rinvenuto tra le sterpaglie ai margini del Grande Raccordo Anulare, all’altezza dello svincolo di Tor Bella Monaca.

A indicare il luogo in cui era stato abbandonato è stato Valerio Del Grosso, uno dei due indagati attualmente in carcere. Il ritrovamento dello zaino, che dovrebbe appartenere proprio ad Anastasiya, è un ulteriore tassello decisivo ai fini delle indagini sulla morte di Luca Sacchi. Nei giorni scorsi, invece, erano stati ritrovati altri oggetti importanti per le indagini. Continua a leggere dopo la foto








Come scrive il gip Corrado Cappiello, nell’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di Paolo Pirino e Valerio Del Grosso, nella zona di Casal Monastero, dove risiedono i due giovani, sono stati trovati un portatessere e un portafogli da donna con la patente di Anastasiya (in via Ottaviano Conte di Palombara) e, nascosto in un tombino a via Conti di Rieti, un guanto in lattice blu, chiuso con dei nodi contenente un bossolo esploso. Continua a leggere dopo la foto






In via di Tor Bella Monaca, tra le sterpaglie dello spartitraffico della rampa d’accesso al Grande Raccordo Anulare, è invece stato rinvenuto uno zaino da donna. Una scoperta che segue di poche ore il rivenimento di una mazza da baseball nera in metallo, in un campo a ridosso di via Belmonte in Sabina, all’altezza dello svincolo del Raccordo che porta alla Centrale del Latte e che unisce il Gra con Casal Monastero e San Basilio. Continua a leggere dopo la foto



 


Nell’ordinanza del gip si legge anche che, dopo l’omicidio di Luca Sacchi, “Valerio Del Grosso è stato rintracciato in una stanza d’albergo e, spontaneamente, ha collaborato con gli investigatori consentendo il recupero degli oggetti di cui si era sbarazzato in diversi punti della città”. Staremo a vedere ulteriori sviluppi che di certo avverranno.

Ti potrebbe anche interessare: Prima l’abbraccio in studio, poi, a telecamere spente, il gesto inaspettato di Ida verso Riccardo

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it