Morto il famoso chef stellato. Un impatto violento sulla strada: era appena diventato padre


Un gravissimo incidente stradale si è verificato nella notte tra sabato e domenica tra via Baracca e via Corelli, alla periferia di Firenze. In un terribile scontro tra un maxi scooter ed un altro scooter a perdere la vita è stato un famosissimo chef stellato di 40 anni. Aldo Marzocchi, questo il nome della vittima, non ce l’ha fatta. Apparteneva all’antica famiglia di ristoratori di via Faenza, da ‘Enzo e Piero’. E solo alcuni mesi fa era diventato papà.

Nell’incidente stradale è rimasto gravemente ferito anche un altro uomo, un 53enne attualmente ricoverato all’ospedale ‘Careggi’ in prognosi riservata. Nonostante la gravità delle sue condizioni, il ferito non sarebbe più in pericolo di vita. L’impatto fatale per Marzocchi è avvenuto all’altezza del benzinaio Eni. I due centauri stavano percorrendo via Baracca in direzioni opposte, quando si è materializzata la tragedia. (Continua dopo la foto)









A fornire una prima ricostruzione del sinistro è stata una pattuglia dell’Autoreparto dei vigili urbani. Secondo quanto riferito, lo chef stellato 40enne, che abitava in quella zona, ha tentato di svoltare a sinistra per andare su via Barco in direzione via Corelli. Verso Puccini, in direzione opposta, si stava recando l’altro scooterista. Il momento dell’impatto è stato di una violenza inaudita. (Continua dopo la foto)






Marzocchi è stato sbalzato via dal mezzo e si è schiantato contro un’automobile in sosta. I tentativi di rianimazione si sono rivelati inutili ed i sanitari non hanno potuto fare altro che constatare il suo decesso. Lo chef è morto praticamente sul colpo a causa di lesioni molto gravi, che gli hanno procurato emorragie interne massicce. L’uomo aveva finito da poco di lavorare e stava per rientrare nella sua abitazione, ma purtroppo non ci è riuscito. (Continua dopo la foto)



A piangere la sua scomparsa, oltre ai colleghi di lavoro, c’è soprattutto la moglie, una donna originaria degli Stati Uniti d’America che ora è costretta a crescere da sola il figlioletto nato da pochissimo tempo. I messaggi scritti alla famiglia dello sfortunato chef stellato sulla pagina ufficiale del locale dove lavorava sono numerosi. L’attività commerciale osserverà inoltre una giornata di chiusura in segno di lutto e rispetto per uno dei lavoratori più in gamba della trattoria ‘Da Enzo e Piero’.

“Rischi per la salute”. Maxi sequestro di uova in Italia: stavano per finire sulle nostre tavole

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it