“Sciacalli!”. Povera Nadia Toffa, la scoperta è rivoltante. Ecco come stavano usando il suo nome


Esistono persone al mondo che non si fermano davanti a nulla, neanche di fronte al dolore causato dalla morte. E in questa triste vicenda c’entra (purtroppo, verrebbe da dire, vista la gravità) Nadia Toffa. Tutto inizia con un documento firmato proprio dalla Iena scomparsa e la richiesta di denaro. Così due malviventi hanno messo in piedi una tentata truffa ai danni di tre parroci nel bresciano sfruttando il nome della Iena scomparsa a causa di un aggressivo tumore al cervello. Una truffa a nome proprio della Toffa.

Quello che è accaduto nel bresciano è deplorevole non solo perché illegale, ma anche ai limiti della moralità e del rispetto per chi non c’è più. Due persone si sono presentati a tre parroci dicendo di essere stati incaricati dalla Iena morta lo scorso 13 agosto per donare una consistente cifra alla chiesa. Ovviamente non c’era nulla di vero e le persone in questione chiedevano un anticipo di 2 o 3 mila euro per pagare le spese notarili e le tasse di successione. Continua a leggere dopo la foto







Nessuno dei tre parroci intercettati ha accettato, capendo che si trattava di qualcosa di sospetto, ma hanno denunciato e lanciato un allarme perché queste persone smettano non solo di truffare il prossimo ma di farlo a nome di una persona scomparsa che ha sempre combattuto questo tipo di truffe e non solo. Continua a leggere dopo la foto






I malviventi si presentano come delegati di due importanti studi notarili di Brescia, ovviamente all’oscuro di tutto, spiegando però che come da prassi, per ricevere la donazione, c’è da pagare una cifra compresa tra i 2 e i 3mila euro. I carabinieri sono sulle tracce dei truffatori, cercando di analizzare le coordinate bancarie che hanno lasciato ai parroci. Continua a leggere dopo la foto



 


Una storia che ha fatto gelare il sangue a migliaia di persone: pensate a quanto debbano essere senza scrupoli due individui capaci di sfruttare a proprio piacimento un triste avvenimento come la dipartita della povera Nadia Toffa. Si spera soltanto che le forze dell’ordine acciuffino preso i malviventi.

Ti potrebbe anche interessare: Malore per Claudio Cecchetto, portato in ospedale in ambulanza. Mistero sulle sue condizioni

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it