Colpo di scena nel caso Rosboch, dopo la confessione di Gabriele Defilippi (l’ex alunno della professoressa) arriva una notizia bomba dal carcere: ecco chi potrebbe uscire di scena dal processo


 

Il giudice Chinaglia, del Tribunale del riesame, è stato chiamato a decidere su una nuova istanza di scarcerazione per Caterina Abbattista, 45 anni, madre di Gabriele Defilippi, 21 anni, in carcere con il figlio e con l’amante di quest’ultimo Roberto Obert, 54 anni, per l’omicidio dell’insegnante Gloria Rosboch, 49 anni, avvenuto il 13 gennaio scorso. Il primo tentativo dei suoi legali Erica Gilardino e Matteo Grognardi per ottenerne la scarcerazione o, in subordine, gli arresti domiciliari, era stato respinto. Quindi il ricorso in Appello.

Ma notizia che circola insistentemente in queste ore – secondo quanto riporta il sito Cronache e Dossier – è che la donna potrebbe uscire dal carcere. 

(Continua a leggere dopo la foto)








 

Secondo la difesa della donna, la rete dati del cellulare si agganciò alla cella di Montalenghe, ma la rete voce sarebbe sempre rimasta agganciata a quella di Ivrea. Se ciò venisse confermato, potrebbe rappresentare un punto a favore della Abbattista che uscirebbe di scena nell’ambito del delitto di Gloria Rosboch messo a punto dal figlio Gabriele e dal suo complice ed ex amante Roberto Obert. 

(Continua a leggere dopo la foto)




‘’Alla luce di un elemento inequivocabilmente importante nell’economia dell’indagine, – si legge sul quotidiano online – Caterina Abbattista potrebbe uscire dal carcere ma non dall’inchiesta sul caso Rosboch. La consulenza della difesa mira adescludere Abbattista dalla partecipazione al delitto e all’occultamento del cadavere della professoressa di Castellamonte. Non è invece ancora chiaro, a detta della Procura, il ruolo avuto dalla madre di Gabriele nell’adescamento delle vittime da parte di quest’ultimo e nelle richieste di denaro perpetrate’’.

(Continua a leggere dopo la foto)


Occorreranno circa due giorni al magistrato per valutare la richiesta di scarcerazione per Caterina Abbattista, istanza alla quale la Procura di Ivrea si oppone nettamente ipotizzando che invece la donna abbia mentito. 

“Ecco cosa abbiamo fatto col suo corpo”. Delitto Rosboch, nuovi e inquietanti particolari sull’omicidio della prof. L’ex alunno confessa l’orrore

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it