È ufficiale! Nadia Toffa, la notizia commovente a poco più di un mese dalla sua morte. Lei sarebbe d’accordo


Era il 13 agosto 2019 quando l’Italia si è svegliata con la notizia terribile della morte di Nadia Toffa. La conduttrice e giornalista de Le Iene ha combattuto per anni contro un tumore e poi è morta. La Toffa, durante la sua malattia, non ha mai perso il sorriso e la voglia di lottare, anzi è stata un esempio per tutti coloro che stavano vivendo la sua stessa situazione. La morte della iena ha lasciato l’Italia nello sconforto: Nadia Toffa era una grande giornalista, una donna unica, solare.

Era una che lottava per i diritti dei deboli e non aveva paura di nulla. È passato poco più di un mese dalla sua morte ma tutti pensiamo a lei ancora. Tanto. E pensiamo a quanto, a volte, la vita, sia ingiusta. Ma meglio non aprire questa parentesi dalla quale è impossibile uscire. A poco più di un mese dalla sua morte, da Taranto, città che Nadia ha frequentato e per la quale ha lottato tanto, arriva una bella notizia. Continua a leggere dopo la foto







Il 18 agosto i cittadini di Taranto hanno lanciato una petizione – promossa da Alessandra Marotta di Nardò – affinché il reparto di onco-ematologia pediatrica dell’ospedale Santissima Annunziata fosse intitolato a Nadia Toffa. Ebbene, dal 18 agosto sono state raccolte 90.938 firme. E poi? Il 23 settembre Alessandra Marotta di Nardò, ha consegnato tutta la documentazione al Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, che ha dato l’ok al presidente della Asl di Taranto. Continua a leggere dopo la foto






E così il presidente Stefano Rossi ha potuto cambiare il nome del reparto per intitolarlo alla giornalista che tanto si era battuta per Taranto con tutte le sue inchieste. Il reparto di oncologia pediatrica dell’ospedale di Taranto era stato inagurato il 18 dicembre 2018 proprio dopo l’iniziativa promossa da Nadia Toffa, che prese il nome di “ie jesche pacce pe te”. Era questo lo slogan che si trovava sulle magliette e sugli accessori realizzati per raccogliere fondi per la realizzazione del reparto in questione. Continua a leggere dopo la foto



 

Ma non è finita: il presidente della Regione ha annunciato che c’è in cantiere il progetto di ingrandire il reparto di onco-ematologia pediatrica, che per ora ha solo 5 letti (che purtroppo non bastano per i malati che sono di più). “Sostenere e realizzare come Regione Puglia alcuni dei progetti trovati dalla mamma sul computer di Nadia dopo la sua morte. È una cosa che la Puglia e Taranto devono a Nadia Toffa”, ha detto Michele Emiliano a conclusione del suo discorso.

“La prossima”. Emma Marrone malata, insulti choc sulla bacheca di Nadia Toffa

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it