Tragedia in crociera: Matteo sviene, batte la testa e muore a 33 anni


Una tragica morte quella di Matteo Sartori, 33enne di Piove di Sacco (Padova), ma residente a Fossò, in provincia di Venezia. Un piccolo taglio, un lieve malore e una caduta: batte la testa e perde conoscenza. Il tutto è accaduto nel corso di una crociera a bordo di una nave della Msc, mentre l’imbarcazione era al largo dell’Albania, nella serata del 7 settembre. Il giovane è poi morto dopo alcuni giorni di agonia.

L’uomo era in vacanza con la fidanzata sulla nave da crociera. L’imbarcazione era al largo delle coste dell’Albania quando Matteo, durante la cena, si ferisce al dito con un crostaceo. Un banale incidente che però lo spinge a tornare nella cabina per medicarsi. Poco dopo la fidanzata, insospettita non vedendolo tornare lo ha raggiunto in cabina. Ma poco prima di arrivare lo ha trovato riverso a terra, privo di sensi, vicino alla rampa delle scale che conduceva proprio alla zona cabine. (Continua a leggere dopo la foto)



La ragazza, in preda al panico, ha subito chiamato i soccorsi e sulla nave è stato attivato subito il protocollo per le emergenze. Con tutta probabilità Matteo era caduto dai gradini ed aveva sbattuto la testa. Un forte trauma cranico, dalle conseguenze devastanti. L’agonia del 33enne è durata sei giorni, durante i quali è stato prima ricoverato all’ospedale di Durazzo, poi a Tirana, e ancora agli ospedali di Brescia e Padova, dove mercoledì scorso il suo cuore si è spento per sempre. (Continua a leggere dopo la foto)


La notizia della morte del giovane padovano si è diffusa soltanto nelle scorse ore ed è diventata di dominio pubblico anche per la modalità assurda in cui è avvenuta. In un gesto di estrema generosità la famiglia di Matteo ha deciso di donare i suoi organi. Solo pochi giorni fa un lavoratore di una nave da crociera è caduto da un ponte della grande imbarcazione ed è per le conseguenze della caduta. Il fatto è accaduto al porto di Livorno. (Continua a leggere dopo la foto)


 

Il corpo della vittima, un filippino, non è stato individuato subito, ma solo dopo qualche ora. Era scomparso in mare e, dopo l’allarme, sono intervenuti i vigili del fuoco sommozzatori del comando di Livorno. Il lavoratore sembra che stesse pulendo alcune strutture esterne della Vision of the Seas, una delle navi che periodicamente attraccano allo scalo portuale livornese cariche di turisti.

Precipita dal terzo piano, la bellissima ex reginetta di bellezza muore a 29 anni