Avvolto dalle fiamme mentre prepara il limoncello: Guido muore a 27 anni


Orrore a Benevento nel rione Libertà. Un giovane di 27 anni è stato avvolto dalle fiamme mentre stava preparando il limoncello, famoso liquore campano, in casa propria. La notizia è stata riportata da Il Mattino. L’episodio sarebbe avvenuto a causa del contatto tra l’alcol necessario per preparare la bevanda e la fiamma dei fornelli.

In seguito si è scaturito un vero incendio che ha travolto il ragazzo. Quest’ultimo ha riportato ustioni sull’80% del corpo e le sue condizioni sono critiche. Dopo l’accaduto è scattato l’allarme e la chiamata dei soccorsi. Immediato da parte del 118 il ricovero urgente presso l’ospedale Rummo. Poi, la vittima, è stata trasportata in elicottero al nosocomio per ustionati di Bari. Guido Fiore, 27 anni, grafico e web designer dell’azienda Svapoweb, è deceduto il 23 agosto in ospedale in seguito alle gravissime ustioni riportate. Un’agonia durata 5 giorni che ha spento le speranze degli amici e della famiglia. (Continua a leggere dopo la foto)



Centinaia i messaggi di cordoglio e le testimonianze di affetto che in queste ore stanno invadendo la bacheca social di Fiore. Particolarmente toccanti le parole di Arcangelo Bove, titolare di Svapoweb ma soprattutto amico di Guido. Il giovane lavorava nell’azienda che vende sigarette elettroniche e qui ricopriva il ruolo di grafico e web designer. (Continua a leggere dopo la foto)


“Tra me e te c’era un’alchimia speciale, subito hai conquistato il mio cuore con il tuo carattere mansueto ma allo stesso tempo goliardico il tutto unito alla tua voglia di fare e alla tua grande professionalità. Ormai eravamo grandi amici e pensavo che avremmo passato insieme tanti altri bei momenti. Purtroppo la vita è così, ed io ancora non mi capacito della situazione, ricordati però che tu resterai per sempre nel mio cuore“. (Continua a leggere dopo la foto)


 

Una tragedia simile ha colpito la provincia di Benevento soltanto qualche mese fa. Un pensionato di 75 anni, a Baselice, era rimasto ustionato dal ritorno di fiamma proveniente dalla stufa, che l’uomo stava accendendo con l’utilizzo dell’alcool. Le fiamme avevano causato ferite su gran parte del corpo e, particolarmente gravi, sul volto: dopo 10 giorni di agonia al Centro Grandi Ustionati dell’ospedale Cardarelli di Napoli, il 75enne è purtroppo deceduto.

Morte chef Andrea Zamperoni: fermata una donna, cosa emerge dalle indagini. Il mistero s’infittisce