Choc anafilattico, Maria muore a 12 anni: era in pizzeria davanti agli amici


Choc anafilattico. Muore una ragazza di 12 anni. Maria Vittoria Salvadori viveva a Villorba, comune alle porte di Treviso, e sin da quando è nata conviveva con una grave forma di allergia alle proteine del latte. Tutta la famiglia era preparata a intervenire in caso di un attacco come questo, ne erano a conoscenza anche i titolari della pizzeria, ma non è bastato.

Maria Vittoria era animatrice nel gruppo estivo che organizza attività negli oratori dei circondario ed era prossima a iscriversi all’istituto grafico Palladio di Treviso. Venerdì sera era uscita con gli amici in una pizzeria nel paese vicino di Visnadello, quando all’improvviso è stata colpita da choc anafilattico. I genitori allertati sono subito intervenuti, ma nonostante la corsa a casa per somministrarle l’iniezione di adrenalina, la 12enne è morta tra le loro braccia. I medici del 118 hanno potuto soltanto constatare che il suo cuore si era fermato. Continua dopo al foto







Anche all’interno del locale, sapevano della malattia della bambina, per questo, da quanto riportato su TrevisoToday, i genitori non si sentirebbe di incolpare nessuno della tragedia. Maria Vittoria era figlia di due imprenditori del paese Lina Manzan e Mauro Salvadori, nonché nipote del proprietario di una nota azienda agricola della zona. Continua dopo la foto




Lo choc anafilattico è una rapida sequenza di eventi, per lo più scatenata dal contatto di anticorpi IgE con un allergene, che si sviluppa improvvisamente e può mettere in pericolo la vita del paziente. La pressione si abbassa, il respiro si fa difficoltoso in quanto il polmone è preda di un attacco asmatico grave e la pelle può presentare orticaria o angioedema. Continua dopo la foto


 


È scatenato da una massiva liberazione di istamina e di altri mediatori dell’infiammazione allergica da parte di cellule presenti in vari organi (mastociti) e nel sangue (basofili). L’istamina e gli altri mediatori determinano una reazione infiammatoria e vasomotoria generalizzata a tutto l’organismo; in genere la liberazione è scatenata dal contatto tra un allergene e gli anticorpi IgE presenti sulla superficie dei mastociti e dei basofili.

Se l’infiammazione si estende alla laringe e alle corde vocali (glottide), incombe il rischio di una ostruzione totale del passaggio del respiro. In alcuni casi i meccanismi non sono ancora ben definiti e si parla di reazioni anafilattoidi o di anafilassi idiopatica. Vi sono inoltre reazioni chiamate anafilattoidi in cui l’istamina e gli altri mediatori vengono rilasciati dai mastociti e dai basofili con meccanismi indipendenti da quello delle IgE: un esempio è lo shock anafilattico che può essere scatenato dalla iniezione di mezzo di contrasto iodato.

Ti potrebbe anche interessare: Le principesse di Spagna si mostrano in vacanza con i genitori. Il dettaglio che tutti hanno notato

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it