“Non mangiatelo”. L’allarme del Ministero della Salute: rischio salmonella


C’è un nuovo allarme che arriva direttamente dal Ministero della Salute. Tramite il proprio sito ufficiale ha infatti diramato un avviso di richiama, proprio questo pomeriggio, riguardante un lotto di salame campagnolo a marchio Salumi Pasini. Il rischio microbiologico è quello legato alla salmonella. Subito è scattato il tam tam mediatico e sono stati informati consumatori e rivenditori con l’avviso che era già apparso sul sito della Carrefour. Non è la prima volta che viene emanato un avviso simile in questa estate 2019.

Il prodotto in questione è in vendita nel formato da 270 grammi circa, con il numero di lotto 1056 ed è realizzato dalla ditta Salumi Pasini di Smapp Spa, nello stabilimento di via Circonvallazione 7, a Trezzano sul Naviglio in provincia di Milano. Questo i riferimenti del lotto soggetto a richiamo. Ma sono state divulgate anche alcune informazioni utili in caso di salmonella e soprattutto alcuni consigli e mosse da fare se avete comprato questo prodotto. Continua a leggere dopo la foto.







Stando a quanto si legge sui portali di informazione, il consiglio che si da in questi casi è ovviamente di non mangiare l’alimento in questione e di riportarlo, se possibile, al punto vendita dove è stato acquistato. Stando a quanto si legge sullo Sportello dei Diritti dei consumatori, per penna del responsabile Giovanni D’Agata, si può contattare direttamente l’azienda. È utile, inoltre, sapere con cosa si ha a che fare in questi casi. La salmonella è infatti un agente batterico che si trova uova, maionese, latte non pastorizzato, pollame, carni di maiale, hamburger, pesci e molluschi. Continua a leggere dopo la foto.






La patologia è trasmessa attraverso il consumo di alimenti contaminati e può causare infezioni, vomito, diarrea e dolore addominale ma anche febbre alta nei casi più gravi con i primi sintomi che si manifestano dalle 12 alle 72 ore l’ingestione. In casi simili è bene rivolgersi immediatamente al proprio medico curante se non addirittura al pronto soccorso più vicino per evitare spiacevoli controindicazioni e complicazioni più gravi. Continua a leggere dopo la foto.



Pochi giorni fa vi avevamo raccontato del ritiro di un lotto di confettura extra di amarene a proprio Conad per la presenza di solfiti non dichiarati in etichetta. Il prodotto interessato è venduto in vasetti da 320 grammi Ritiro con il numero di lotto N19002133 e la scadenza fissata al 21 marzo 2021.

“Brucia quel quadro!”. Stavolta Vittorio Sgarbi rischia grosso: lo incastrano le sue parole

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it