Lo sciame sismico continua: nuova scossa in Sicilia. È la sedicesima in 5 giorni


Lo sciame sismico che ha invaso l’Italia del sud negli ultimi giorni continua. E torna la paura in tutta la Sicilia, specie nella provincia di Agrigento, dove da settimane la terra trema gettando nel panico residenti e turisti. È delle 11.41 di questa mattina l’ultima scossa: magnitudo 2.8 della scala Richter. Un’intensità non elevatissima, ma che basta per creare scompiglio, agitazione e terrore tra la popolazione, che si è immediatamente riversata in strada.

Stando a quanto riferito dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, l’epicentro è stato localizzato ad una profondità di 8 chilometri, in una zona situata a 7 chilometri a nord-est di Menfi. La scossa si è sentita distintamente in tutta la Valle del Belice. Appena un quarto d’oro dopo, intorno alle 11.56, un’altra scossa ha fatto vibrare i sismografi. Stavolta l’intensità era ancora più bassa: 2.2. E secondo i primi accertamenti e le notizie locali non dovrebbero esserci danni a cose e persone. Continua a leggere dopo la foto.



La magnitudo non sarà altissima, ma questa è la scossa numero sedici in pochissimi giorni. Lo sciame sismico, infatti, va avanti dallo scorso 15 luglio tra Sciacca e Menfi. Il primo terremoto è stato di 2.4, a 6 km a est del territorio comunale di Menfi, tanto che Marilena Mauceri, sindaco della città, si è trovata costretta a rassicurare la popolazione: “La situazione è sotto controllo, i terremoti sono stati inferiori ai 3 gradi della scala Richter. È chiaro che creino apprensione, ma al momento non è il caso di allarmarsi oltremisura”. I consigli, in questi casi, sono sempre quelli di mantenere la calma. Continua a leggere dopo la foto.


Nei giorni scorsi vi avevamo anche raccontato di un terremoto di magnitudo 5.1 della scala Richter registrato nella regione dell’Attica, in Grecia. L’epicentro era stato localizzato a 22 chilometri a nordovest di Atene alle ore 14.33. In diverse zone del centro della capitale era saltata l’energia elettrica e le persone erano scese in strada. Non ci sono stati danni o feriti, ma le linee telefoniche sono state letteralmente invase da segnalazioni e allarmi. Continua a leggere dopo la foto.


Probabilmente, anche il terremoto di stamattina fa parte dello stesso sciame sismico che sta attraversando, in queste ore, il Mediterraneo tra il sud Italia e la Grecia. Solo semplice assestamento? Presto per dirlo. Per ogni aggiornamento il nostro consiglio è di seguire i canali social dell’Istituto di Geofisica e Vulcanologia e quelli della Protezione Civile.

Forte terremoto ad Atene: panico in città, gente in strada e blackout. Telefoni fuori uso