Tragedia in mare, Biagio annega sotto gli occhi del padre: aveva 15 anni


Tragedia nel porto di Agropoli, dove un 15enne ieri è morto annegato. Biagio Manganelli – questo il nome della vittima – era a bordo di una barca a vela insieme a suo padre Giuseppe. Stando ad una prima ricostruzione Biagio Manganelli si sarebbe tuffato dal natante; una volta in acqua, la corrente lo avrebbe portato al largo. A nulla è servito l’intervento del padre, che appena accortosi del figlio in difficoltà, si è immediatamente lanciato in mare per recuperarlo.

Sul posto sono intervenuti i militari della Guardia Costiera, che hanno recuperato il corpo senza vita di Biagio Manganelli
Recuperata anche l’imbarcazione che, priva di controllo, si è schiantata contro gli scogli del molo. Avviate le indagini per ricostruire l’esatta dinamica dei fatti. Dopo la tragedia di ieri di Biagio Manganelli stamani un altro dramma si è consumato a Ischitella questa mattina. Un uomo è stato colpito da un malore mentre faceva il bagno al lido delle Sirene. Continua dopo la foto



La vittima – un 50enne della zona – stava facendo il bagno quando si è sentito male rischiando di annegare.
Attimi di panico in spiaggia. Sul posto sono intervenuti i bagnini, che hanno trascinato l’uomo a riva e praticato le prime operazioni di soccorso. Successivamente sono giunti i sanitari del 118. Il 50enne è stato trasportato in gravissime condizioni nella clinica Pineta Grande di Castel Volturno. Sarebbe in fin di vita. Ancora incerte le cause del malore. Dalle prime informazioni, sarebbe stato colto da un’ischemia. Continua dopo la foto


Sotto choc i familiari. Sul posto, scrive Marco Aragno di Teleclubitalia.it, anche una pattuglia dei carabinieri della locale Compagnia, che stanno ricostruendo quanto accaduto. A determinare il malore anche le alte temperature di questi giorni. Solo l’altro ieri un uomo di Qualiano, di appena 42 anni, Domenico Iannascoli, si è sentito male ed è morto in vacanza, a Scalea, in circostanze simili. Continua dopo la foto


 


Il diciotto luglio un uomo di 73 anni di Rapolano Terme (provincia di Siena) era morto a Follonica stroncato malore che non gli ha lasciato scampo. E’ accaduto su un tratto di spiaggia follonichese, in uno stabilimento balneare. L’allarme è scattato intorno alle 11.45. Immediato l’allarme al 118 che, giunto sulla spiaggia, ha subito iniziato le manovre di rianimazione. Ma l’uomo, andato in arresto cardiaco, è morto intorno alle 12.30.

Ti potrebbe anche interessare: Ladri scatenati in estate, ecco a che ora colpiscono di più. Fate molta attenzione