”Ecco cosa succedeva a scuola”. Caivano, parla l’avvocato della famiglia di Fortuna Loffredo e solo oggi denuncia un particolare che fa molto riflettere


 

”Ho chiesto all’autorità giudiziaria di sequestrare le relazioni sulle diagnosi funzionali, cioè gli incartamenti relativi a tutti i bambini del Parco Verde di Caivano a cui è stato concesso l’insegnante di sostegno, tra i quali figura anche Fortuna Loffredo e le sue amichette, sui quali nutro forti dubbi: non è possibile che da tutti gli esami che sono stati eseguiti sui piccoli non sia mai emerso il malessere che avevano dentro, frutto delle raccapriccianti violenze che subivano”.

(Continua a leggere dopo la foto)



A parlare è Angelo Pisani, l’avvocato dei nonni di Fortuna, la bimba vittima di abusi e uccisa a Caivano a giugno 2014. Fortuna, come altri bimbi che vivono forti stress, aveva delle difficoltà per cui si era reso necessario un insegnante di sostegno che accompagnasse la bambina – che quando è morta aveva solo 6 anni – nel percorso scolastico. E come stabilisce l’iter burocratico per l’assegnazione di un docente speciale, la piccola Fortuna è stata sottoposta alla cosiddetta diagnosi funzionale per stabilire se avesse necessità di un appoggio, un sostegno appunto, a scuola. E come riportato poco sopra è proprio questo esame, ora, ad essere finito sotto la lente degli avvocati che assistono la famiglia Loffredo. La domanda di Pisani infatti è la seguente: come è possibile che dall’esito dell’esame non sia emerso alcun indizio delle violenze sessuali che era costretta a subite?

(Continua a leggere dopo la foto)


”C’è chi ha dato la colpa alla scuola – prosegue l’avvocato – ma la scuola ha fatto il proprio dovere, ha segnalato all’Asl i bambini sui quali nutriva perplessità. Ha chiesto che venissero sottoposti agli esami che, poi, hanno dato esito positivo. Tant’è che a loro è stato concesso il sostegno di un docente”. Per gli abusi e l’omicidio di Fortuna è accusato e ora finito in carcere il vicino di casa, Raimondo Caputo. Non solo Chicca, ma anche l’amichetta che ha contribuito a far arrestare il presunto stupratore e assassino e anche altre vicine di casa hanno avuto per anni un insegnante di sostegno: ”Il mio obiettivo – conclude l’avvocato dei nonni di Fortuna – è capire se i bambini potevano essere salvati grazie a quegli esami che prevedono anche l’analisi psicologica”.

 

“Ecco cosa le ha fatto quell’uomo”. Caso Fortuna Loffredo, le rivelazioni choc di Roberta Bruzzone gettano nuova luce sulle indagini. Cosa ha scoperto la nota criminologa