“Scusatemi”. Poi si impicca nell’autosalone. Massimo, 42 anni, lascia moglie e figli


Un imprenditore ciociaro si è tolto la vita nel suo autosalone ad Anagni, in provincia di Frosinone in via Giminiani, lasciando la comunità sotto choc. Massimo Caldarozzi, 42 anni, proprietario di un autosalone plurimarche, era infatti molto conosciuto nella cittadina in provincia di Frosinone.

Fin dal mattino, nell’autosalone situata lungo la via Anticolana, ad Anagni, i clienti bussavano inutilmente alla porta, cercando il giovane imprenditore che non rispondeva neppure al telefono. Secondo quanto riporta il quotidiano Ciociaria Oggi, ‘qualcuno, dall’attiguo negozio di mobili d’arredamento, chiedeva ai familiari se fossero in possesso di un doppione della chiave, preoccupati che Massimo potesse aver avuto un malore’’. (Continua a leggere dopo la foto)ù



Uno dei ragazzi che cercava l’imprenditore ha deciso di scavalcare il muro di recinzione dello stabile e di entrare al suo interno attraverso una bassa tettoia realizzata a protezione del bagno. Effettuato il foro, il giovane è entrato all’interno del piccolo locale, trovandosi di fronte quello che non avrebbe mai desiderato vedere: il corpo di Massimo, di soli 42 anni ormai senza vita.  Sotto choc, l’uomo ha subito chiamato i soccorsi. (Continua a leggere dopo la foto)


Gli operatori del 118 non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell’uomo. Sul posto sono arrivati i anche carabinieri della locale Compagnia che hanno avviato i primi rilievi sull’accaduto.  Massimo Caldarozzi aveva 42 anni, ne avrebbe compiuti 43 il prossimo 25 maggio. L’imprenditore ciociaro, grande appassionato di moto e auto, lascia la moglie e due bambini. Il dramma si sarebbe avvenuto all’ora di pranzo di oggi, giovedì 21 febbraio. Secondo alcuni quotidiani l’imprenditore avrebbe anche lasciato un bigliettino con scritto ‘’Scusatemi’’. (Continua a leggere dopo la foto)


 

Massimo ricopriva la carica di responsabile commerciale e del customer service per l’autosalone, attività di famiglia, uno dei più famosi della zona.  Distrutti dal dolore i familiari, che non si danno pace né riescono ad ipotizzare alcuna motivazione al gesto estremo. Le esequie si terranno sabato 23 febbraio alle ore 11.30 nella cattedrale di Santa Maria Annunziata ad Anagni.

“È morto”. Musica in lutto, la notizia arriva dai social: il tumore lo ha sconfitto