Cardito, operata la sorellina del piccolo Giuseppe: le hanno ricostruito il viso


“I bambini avevano rotto la sponda del lettino appena comprato”, è questo, secondo quanto riferiscono i giornali locali, il motivo del massacro di Cardito. Il motivo che ha portato il 24enne a picchiare e uccidere il bambino di 7 anni e a ferire la sorellina di 8, entrambi figli della compagna 30enne. Questa la confessione dell’uomo, secondo quanto riportano diversi quotidiani locali, resa al termine del lungo interrogarorio che ha portato al fermo per omicidio volontario e tentato omicidio.

Il bambino deceduto e la sorellina ferita sarebbero figli di un altro uomo, mentre la piccola di 4 anni sarebbe figlia del 24enne. Le ferite riportate dalla bimba “sono compatibili con l’ipotesi di percosse”, ha affermato il primario del Pronto soccorso del Santobono di Napoli, Vicenzo Tipo, sottolineando: “Lavoro in pronto soccorso pediatrico da trent’anni – spiega Tipo – e credevo di averle viste tutte ma quello che ho visto ieri rappresenta la scena più raccapricciante a cui ho mai assistito”. Continua dopo la foto



Po riprende: “ La bambina quando è arrivata era in forte stato di shock ed aveva il volto tumefatto ma soprattutto sangue sul cuoio capelluto, tutte ferite compatibili con l’ipotesi delle percosse”. Nella giornata di ieri, lunedì 28 gennaio, la bambina è stata sottoposta ad un delicato intervento di ricostruzione estetica del volto. Quando è arrivata nel nosocomio partenopeo, infatti, aveva una ferita lacero contusa al padiglione oculare che le impediva di aprire un occhio. Continua dopo la foto


In ogni caso le sue condizioni sono in miglioramento: “La piccola è cosciente, in buone condizioni generali ed appare serena nel suo comportamento, supportata dal Personale Medico e Paramedico. Presenta contusioni e tumefazioni multiple al volto e al corpo. Gli esami diagnostici hanno escluso lesioni cerebrali e degli organi interni. E’ stata instaurata terapia antibiotica di copertura e le condizioni cliniche sono in miglioramento”, riferisce il bollettino medico dell’ospedale. Continua dopo la foto


 


Ignara di quanto accaduto al fratello, “la bambina è piantonata dalla polizia da ieri. C’è un cordone per proteggerla e per far sì che gli psicologi possano lavorare e per proteggerla anche da possibili condizionamenti”, ha detto ancora Tipo.

Ti potrebbe anche interessare: Lilli Gruber, il nuovo look fa impazzire il pubblico: mai vista così