“Non andate al mare in Italia, ecco cosa succederà su quelle spiagge”. L’ultima ‘’trovata’’ tedesca contro il nostro paese (e il turismo) fa discutere


 

Terroristi del’Is sarebbero pronti a compiere attacchi sulle spiagge italiane, spagnole e francesi . Lo scrive il quotidiano popolare tedesco Bild, che cita l’intelligence tedesca del Bnd, informata dagli omologhi italiani sulla base di una fonte credibile in Africa.

I terroristi dello Stato Islamico, si legge, arriverebbero sulle spiagge travestiti da venditori di gelati o magliette. Il “concreto piano” di attacco prevede spari sulla folla dei bagnanti con armi automatiche, attacchi suicidi ed esplosivi nascosti sotto la sabbia.

(Continua a leggere dopo la foto)








Secondo il tabloid tedesco, sono a rischio le spiagge del sud della Francia, della Costa del Sol in Spagna e delle coste italiane con attacchi simili a quello avvenuto nel giugno dello scorso anno sulla spiaggia tunisina di Soussa, costato la vita a 38 turisti.

“Potrebbe essere una nuova dimensione del terrore. Non si possono proteggere le spiagge delle vacanze”, afferma un alto funzionario citato dal quotidiano popolare. A quanto si legge, in difficoltà finanziaria e sul terreno in Iraq e Siria, l’Is avrebbe deciso di rivolgersi verso obiettivi relativamente facili come le spiagge. La minaccia, continua il quotidiano popolare noto per i titoli sensazionalisti, verrebbe da Boko Haram, gruppo terrorista nigeriano alleato dell’Is.

E i potenziali terroristi sarebbero persone che vengono dall’Africa con visti e documenti regolari, non i migranti sui barconi. Secondo Seck Pouye, capo della polizia della città senegalese di Saly, “questa gente viaggia regolarmente verso l’Italia e altri luoghi con visto e documenti. Non sono illegali perché sono considerati uomini d’affari e commercianti. Questo li rende pericolosi”.

 

Caffeinanews by AdnKronos

www.adnkronos.it

Isis, jihadisti contraggono l’Aids dalle “schiave del sesso”. Ma per loro il califfo ha deciso una morte più “utile alla causa”…

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it