Ricordate Roberta Ragusa? È scomparsa e di lei non si è più saputo nulla. Ora spunta fuori quella lettera in cui si rivelano verità tremende. Ecco cosa c’è scritto


 

Roberta Ragusa, scomparsa a 44 anni  nella notte tra il 13 e il 14 gennaio del 2012 e della donna da allora non si è saputo più nulla. Una lettera anonima con indicazioni precise e delle foto è stata recapitata ai carabinieri di Pisa. Nella missiva e nei file allegati ci sarebbe la verità sul luogo del presunto seppellimento della donna scomparsa nel 2012 si trova vicino la stazione di San Giuliano Terme. Nella lettera, il cui contenuto è stato reso noto dal Corriere della Sera, si indica un punto dove scavare: “Andate a vedere lì, nel boschetto. Troverete i resti di quella poveretta…”. 

(Continua a leggere dopo la foto)







Un breve testo con l’indicazione del luogo del presunto seppellimento. Era già successo, negli ultimi anni. Gli investigatori, a partire da quella mattina d’inverno in cui l’elettricista cinquantenne denunciò trafelato la sparizione delle moglie, non hanno sottovalutato nessuna pista. Il luogo del mistero dista poche centinaia di metri dall’abitazione dei Logli, la stessa in cui il marito di Roberta Ragusa (a lungo indagato per l’omicidio, poi prosciolto e ora tornato nel mirino dopo che la Cassazione ha annullato l’archiviazione disposta dal gip nel 2015) vive con i due figli e la ex babysitter Sara Calzolaio, che all’epoca dei fatti era l’amante.

I dettagli sul punto in cui cercare sono precisi. In una delle fotografie si vede un avvallamento del terreno di colore più scuro a causa di un ristagno d’acqua. Sarebbe proprio lì che il cadavere della donna sembra sia stato fatto scomparire.  Chi scrive ai Carabinieri di Pisa fa riferimento anche a un’altra persona, sempre anonima, che sarebbe informata sul caso. Il boschetto mostrato nelle foto si trova nei pressi della stazione di San Giuliano, ed è raggiungibile a piedi dal termine della banchina, ma anche in auto da un piazzale chiuso con un cancello.








 

“Ciao mamma, sono io, sono Denise”. Ecco la terribile verità su quel messaggio choc arrivato alla mamma della piccola scomparsa nel nulla

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it