Alle 11 si sposa, ma a mezzogiorno fa una stranissima richiesta al marito, che lascia tutti gli invitati a bocca aperta. Lo ha fatto sul serio (brava!)


 

Il giorno dl sì, dicono, sia il più importante della vita. In effetti, quel fatidico giorno è quello in cui ci si scambia delle promesse fondamentali che segneranno, nel migliore dei casi, il futuro di una coppia. E in tema di futuro, questa volta non individuale, ma collettivo, questa sposa ha fatto una cosa veramente bizzarra.

(Continua a leggere dopo la foto)







A quanto sembra la primavera non è solo il mese delle spose, maggio, si sa, pullula di matrimoni, ma è anche il periodo dell’anno in cui di norma si va alle urne. E lei Ester non si è voluta far mancare proprio nulla e non ha voluto rinunciare al suo senso civico neanche nel giorno dei fiori d’arancio. 




È successo domenica mattina a San Pietro in Cariano, nella frazione di Pedemonte, dove Ester e Luca hanno detto “Si”,ma subito dopo le nozze, la sposa ha avuto una richiesta che ha lasciato tutti di sasso. Ha chiesto, infatti, di essere accompagnata al seggio per votare al Referendum sulle trivellazioni in mare. Alle 11 in punto si è celebrato il rito e subito dopo alle 12.50, in quel momento in cui di solito gli sposi vanno a fare le classiche foto, Eter ha detto “Voglio andare a votare”. E così Luca, originario di Pesaro, l’ha accompagnata al seggio elettorale di Pedemonte. E invece delle foto all’aperto hanno fatto le foto al seggio insieme agli scritatori, che erano molto divertiti dal diversivo insolito.


Quindi, la ragazza ha adempiuto ai suoi doveri di brava cittadina, esprimendo il suo parere su un tema che coinvolge tutto il Paese, tuttavia questo suo gesto non è stato determinante per il raggiungimento del quorum. 

 

“Ecco cosa succede durante il primo anno di matrimonio”. Nessun luogo comune, parlano i fatti. È “allarme” tra le donne…

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it