Udine, incidente durante un allenamento di sci: grave una bimba di 9 anni


Una bambina di 9 anni è rimasta ferita in modo grave durante un allenamento sugli sci sulla pista nera di Sappada, in Friuli Venezia Giulia. La piccola si è scontrata con una ragazza di 19 anni: anche lei è rimasta ferita nell’incidente, ma le sue condizioni non destano preoccupazioni. L’incidente si è verificato intorno alle 9.30 sulla pista nera all’altezza dello stadio di slalom del centro montano, così come accertato dal personale del soccorso piste della Polizia del Commissariato di Tolmezzo.

Le traiettorie della bimba e della ragazza si sarebbero incrociate durante un allenamento non agonistico organizzato dai rispettivi sci club. La piccola risiede vicino a Udine mentre la 19enne, ricoverata all’ospedale di Pieve di Cadore (Belluno), è originaria di Arta Terme, in provincia di Udine. Intanto la Procura di Torino ha iscritto quattro persone nel registro degli indagati nell’ambito dell’inchiesta sulla morte di Camilla Compagnucci, la bimba di nove anni deceduta in un incidente sulle piste da sci di Sauze d’Oulx, in Val di Susa. (Continua a leggere dopo la foto)



Si tratta di dirigenti, ex dirigenti e tecnici della società di gestione dell’impianto, la Sestrieres Spa. Camilla ha perso il controllo e urtato una barriera frangivento su una pista di media difficoltà. Gli indagati sono Alessandro Perron Cabus, amministratore delegato della Sestrieres spa, Alessandro Moschini, direttore delle piste, Vittorio Saluzzo, ex direttore piste, Cristina Chianale, direttore dei lavori quando vennero installate le barriere. (Continua a leggere dopo la foto)


I quattro risultano già indagati nell’inchiesta sulla morte di un altro sciatore, Giovanni Bonaventura, avvenuta il 30 gennaio dello scorso anno a poca distanza dal luogo dell’incidente costato la vita alla piccola. Non è escluso che il fascicolo passa essere riunito a quello per la morte di Bonaventura. La piccola stava sciando con il papà quando ha perso il controllo degli sci, è finita fuori pista e dopo una caduta di circa 50 metri si è schiantata su una barriera frangivento. (Continua a leggere dopo la foto)


 


Sarà l’esame medico legale a spiegare se il trauma che ha ucciso Camilla è stato provocato dalla caduta o dall’impatto con la barriera. Sarà importante capire se il trauma che l’ha uccisa è stato provocato dalla caduta o dall’impatto con la barriera frangivento. Nei prossimi giorni il pm potrebbe disporre nuovi sopralluoghi nel punto in cui è avvenuto l’incidente. Camilla sapeva sciare e, secondo i testimoni, ha perso il controllo degli sci  su una cunetta.

Trova la moglie morta e non regge: Pier Carlo ha seguito Mirella. Insieme fino alla fine