“Addio Alberto”. 20 anni, promessa del nuoto, stroncato da un male incurabile


Una morta che lascia di sasso quella di Alberto Catena, ventenne di Bassano Romano promessa del nuoto. Aberto Catena, “Bebo” per gli amici di Bssano Romano è stato stroncato da un tumore. Da venerdì il comune si è fermato, e per oggi il sindaco Emanuele Maggi ha proclamato il lutto cittadino. “Bassano Romano è profondamente colpita dalla tragedia che ha sottratto all’amore della sua famiglia e della sua comunità Alberto – dice il sindaco a Tusciaweb.it -. Per una comunità di 5mila abitanti la perdita di un ragazzo di 20 anni è un lutto per ogni famiglia. Un lutto che tutti sentiamo come proprio, ed è per questo che senza esitazioni è stato proclamato il lutto cittadino in concomitanza con la celebrazione funebre”.

L’addio ad Alberto Catena, che 21 anni li avrebbe compiuti il prossimo 28 marzo, scrive ancora Tusciaweb alle 15 di oggi nella chiesa di piazza Umberto I. In tanti si stringeranno al dolore lancinante della mamma, del papà e della sorella. Le bandiere sugli edifici pubblici verranno abbrunate e la città si fermerà. (Continua dopo la foto)




“Alberto era un ragazzo squisito, ben integrato nella comunità di Bassano Romano e che si faceva voler bene da tutti – sottolinea il sindaco Maggi -. Alla famiglia Catena il cordoglio sincero di tutta l’amministrazione”. I genitori del 20enne sono conosciuti e stimati da tutti in città: il padre Stefano è un noto imprenditore edile. (Continua dopo la foto)




Bebo, tifoso della Roma e amante del calcio, era una promessa del nuoto: a soli 17 anni era salito sul podio ai campionati italiani di Gorizia. Nei 50 trasporto manichino, categoria ragazzi, aveva vinto la medaglia d’argento. E il mondo dello sport è in lutto, a partire dalla coop Mantus Manziana, di cui il 20enne era atleta. “Ora che sei lassù continua ad allenarti come facevi sempre. Ti vogliamo bene” , l’addio della società. (Continua dopo la foto)


 


Spezza il cuore il messaggio del suo allenatore, Stefano Sidoretti. “La vita a volte ci riserva gioie e dolori. Quando facciamo una gara possiamo vincere o perdere. Questa volta è stata solamente ingiusta. Non ho solamente perso un atleta dal talento indiscutibile ma ho perso un amico, un ragazzo che è entrato nel nostro gruppo in punta di piedi. Umile, gentile, sempre disponibile verso chiunque e con grinta da vendere”.

Ti potrebbe anche interessare: Samanta Togni: età, altezza, peso, fidanzato