Forte esplosione a Roma: è successo a due passi da via del Corso e da Montecitorio e Palazzo Chigi. “Pensavamo a un attentato…”


 

Momenti di paura questa mattina a piazza San Lorenzo in Lucina. Un’esplosione nel seminterrato del bar Ciampini, nel centro storico di Roma, ha seminato il panico fra clienti e dipendenti dello storico locale che all’inizio hanno pensato a un attentato. Sul posto vigili del fuoco e carabinieri che hanno chiuso la piazza. L’esplosione ha provocato due feriti tra i dipendenti del caffè, uno in particolare ha perso i sensi ed è stato trasportato all’ospedale Santo Spirito in ambulanza con la staffetta dei carabinieri. L’altro ferito è meno grave ed è stato medicato sul posto.

(Continua dopo la foto)







Come riporta il Corriere della Sera, stando alle prime notizie trapelate la causa sarebbe un fuga di gas che ha provocato uno scoppio e una fiammata. Fumo nero esce ancora dalle finestre e dal sotterraneo del locale. I pompieri sono entrati per verificare la situazione e le operazioni sono ancora in corso. Lo scoppio ha seminato il terrore tra i frequentatori del bar che ora è stato chiuso. Anche la piazza è transennata e nessuno può accedervi per ragioni di sicurezza.

I vigili del fuoco hanno raggiunto un dipendente del bar che era svenuto per lo scoppio nel sotterraneo del locale adibito anche a magazzino. L’addetto è stato caricato su un’ambulanza del 118 e trasportato all’ospedale Santo Spirito in codice rosso con la staffetta dei carabinieri per aprirsi un varco verso il nosocomio visto che la zona di San Pietro è molto trafficata per la concomitanza la Festa della Divina Misericordia.

 

Sisma da record: la devastazione della scossa del 7,2. Ora è allerta tsunami

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it