Matteo Pireddu, trovato morto il 30enne scomparso il giorno del suo compleanno


Speranze azzerate. Matteo Pireddu, il 30enne di Capoterra, in provincia di Cagliari, che era scomparso sabato primo dicembre 2018, giorno del suo compleanno, è stato ritrovato senza vita mercoledì 5 mattina. Di lui si erano perse le tracce nelle prime ore di sabato e dopo un intero finesettimana di chiamate a vuoto sul cellulare, i genitori avevano presentato denuncia di scomparsa presso la locale stazione dei carabinieri.

“Sabato abbiamo trascorso la mattinata assieme, eravamo a casa, stava scaricando la spesa dalla macchina. Mi sono voltato un attimo, e quando mi sono rigirato non c’era più”, aveva raccontato il padre di Matteo ai quotidiani locali. Da quando è stata resa nota la scomparsa di Matteo, erano stati diversi gli appelli pubblicati anche sui social network. Del suo caso si era anche occupata la nota trasmissione ‘Chi l’ha Visto?’. In questi giorni di angoscia e preoccupazione, però, non erano arrivate segnalazioni utili alle ricerche. (Continua dopo la foto)




In questi giorni alle ricerche ha lavorato senza sosta anche il Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico, intervenuto su richiesta del sindaco di Capoterra che aveva chiesto un supporto ulteriore per la Protezione civile e i carabinieri. È stata battuta tutta la zona di Santa Lucia, dove era stato allestito il Centro di coordinamento mobile, e quella del parco Is Olias. Poi, dopo giorni di ansia e ricerche, mercoledì mattina è arrivato l’epilogo più tragico. (Continua dopo la foto)



Il corpo di Matteo è stato ritrovato dai carabinieri nelle campagne del paese, vicino al frantoio di Santa Lucia. Non si conoscono ancora le cause del decesso, ma stando a una prima sommaria ricostruzione, i militari della locale stazione escludono possa essere stato aggredito, dunque che terze persone siano coinvolte nella sua morte. La notizia ha fatto subito il giro di Capoterra, lasciando nello sconforto e nel dolore tutti. (Continua dopo la foto)


 


Matteo, riporta il sito Castedduonline.it, lascia una bambina. Era un grandissimo tifoso rossoblu: faceva parte infatti degli Sconvolts, gli appassionati ultras della curva Nord del Cagliari e sosteneva la sua squadra sia in casa che in trasferta. Chiuso per lutto, si legge ancora sul sito, il gruppo Facebook ‘Daniele Conti per sempre nostro capitano’ con queste parole scritte dall’amministratore: “Il gruppo chiude per lutto. Che tu possa riposare in pace Matteo. Sentite condoglianze alla famiglia. Ciao fratello!”.

Mattia, morto in strada a 32 anni: la verità nelle telecamere di sorveglianza