Agnesi, storico marchio italiano per la produzione di pasta, chiude i battenti! La poesia che il figlio di un impiegato scrive per il padre che deve lasciare l’azienda commuove il web…


 

Si intitola “Agnesi Cerere” ed è una poesia che uno studente di 16 anni del liceo classico Vieusseux di Imperia, Leonardo Fasciana, oggi ha dedicato al padre impiegato dello storico pastificio Agnesi per il quale è stata decretata la prossima chiusura da parte del Gruppo Colussi. “Questa – ha detto il ragazzo – non si limita a essere una semplice poesia dedicata a un padre. La stragrande maggioranza dei lavoratori Agnesi sono padri e questa è indirizzata anche a tutti loro. Vorrei che questi versi dessero loro la forza per tenere duro, per lottare, per continuare a andare avanti sostenuti da un tifo sottoforma di versi e strofe”.

(Continua a leggere dopo la foto)








“Togliere la forchetta è come strappare il palato all’italiano, l’italiano all’italiano, la provocazione più maledetta – l’italico non lo scinderai mai dal suo vino o dal suo grano, mai, piuttosto ti insulteranno…”, alcuni dei versi di Leonardo che chiede: “Vorrei che ogni artista, dal pittore allo scrittore, dall’architetto al politico, mettesse la propria competenza nel salvare e riportare in auge il Pastificio Agnesi, perché se ognuno avesse messo la propria cultura o potenzialità nella lode del territorio, tutte le imprese della Liguria, grandi o piccole, di nicchia o importantissime, sarebbero già salve”.

 

 

Dalla Sicilia con furore, pasta al pesto trapanese: per un primo molto più che gustoso

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it