Maltempo, Dimaro: il paese ‘scomparso’ tra fango e detriti. Un morto e 200 sfollati


Il maltempo ha messo in ginocchio l’Italia da Nord a Sud: il lunedì nero appena trascorso lascia il Bel Paese alle prese con la conta di danni a cose e persone. Il bilancio è salito, nelle ultime ore, a undici vittime. Tanti comuni italiani, come Terracina in Lazio e Dimaro in Trentino Alto Adige, sono sommersi dai detriti. E le previsioni, per le prossime ore, non sembrano delle migliori: è ancora emergenza in molte regioni italiane a causa di venti oltre i cento chilometri orari e mareggiate con onde anche di sette metri che stanno sferzando le coste.

Oggi i soccorritori hanno recuperato altri quattro corpi. Sono quello di una donna morta a Dimaro, in Val di Sole, dove è esondato il torrente Meladrio, quello di un velista che era disperso nel mare davanti a Catanzaro, quello di un 63enne di San Giovanni in Marignano (Rimini) morto ieri pomeriggio in mare per un incidente durante un’uscita in kitesurf e un pescatore che era disperso nel lago di Levico. (Continua a leggere dopo la foto)






In oltre 48 ore sono più di 7mila gli interventi di soccorso effettuati dai 5.800 vigili del fuoco sul territorio nazionale per allagamenti, smottamenti e rimozione di alberi caduti, soprattutto in Liguria, Toscana, Lazio, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia, dove alcuni paesi tra cui Santa Caterina in Valfurva risultano isolati, e Piemonte. Per il maltempo scuole chiuse in molte città d’Italia. Una delle zone più critiche è certamente Dimaro, ex comune del Trentino Alto Adige: qui il torrente Melendrio è esondato e 200 persone sono state evacuate in via precauzionale mentre non c’è stato nulla da fare per una donna travolta da una frana caduta nella zona di Campeggio. (Continua a leggere dopo la foto)






Le avverse condizioni meteorologiche di Dimaro e l’impraticabilità della zona hanno reso molto complicate gli interventi di salvataggio. A prestare i soccorsi anche volontari che, unitamente al corpo dei vigili del fuoco, hanno lavorato tutta la notte per liberare l’accesso all’abitazione della vittima. Solo grazie agli escavatori è stato possibile ricavare un varco attraverso il quale i soccorritori hanno raggiunto l’interno dell’abitazione, dove è stato trovato ormai senza vita il corpo della donna. Si tratta di Michela Ramponi, 45 anni, mamma di due figli, sposata con un carabiniere di stanza a Campiglio. Il resto della famiglia è riuscita a mettersi in salvo. (Continua a leggere dopo la foto)




 

Per precauzione nella notte si è deciso di evacuare circa 200 persone ospitate, per la maggior parte, da parenti e amici, altre accolte nella palestra della scuola di Malè. Due vigili del fuoco, come riporta il quotidiano ‘Il Piccolo’, sono stati ricoverati all’ospedale Santa Chiara dopo essere stata travolti da una frana mentre cercavano di liberare la strada di Montevaccino. Intanto, è arrivato il tweet anche del Napoli Calcio: la società del presidente De Laurentiis trascorre a Dimaro i ritiri estivi prima della stagione calcistica. “Tutto il Napoli è vicino agli amici di Dimaro e della valle per la tragedia che ha colpito la Val Di Sole nelle ultime ore”.

Leggi anche: 

Maltempo, Pier Silvio Berlusconi e Silvia Toffanin isolati con i due figli

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it