Ex calciatore muore dopo un’operazione al cuore: Luca Cazzadore non ce l’ha fatta. La brutta malattia che l’ha portato via


Lutto nel mondo dello sport italiano: è morto Luca Cazzadore, ex calciatore non professionista con la passione del calcio. Il profumo dell’erbetta sul prato verde, i calzettoni e il rumore dei tacchetti prima di scendere in campo: tutti rituali pre-gara che il giovane Luca amava. Purtroppo per lui, però, il destino gli ha regalato una brutta sorpresa: una malattia al cuore che non gli ha lasciato scampo portandolo alla morte alla sola età di 36 anni. Luca Cazzadore è morto poche ore dopo aver subito un delicato intervento al cuore. Lascia un grande vuoto, a San Martino di Venezze, paese dove abitava da sempre, e in un’intera comunità di amici, che fin dalla tarda sera di ieri si è stretta attorno ai genitori e ai parenti del ragazzo. Luca, da qualche anno, conviveva con una brutta disfunzione cardiaca, che gli era già costata diverse operazioni: i medici avevano deciso di sottoporlo ad un ennesimo intervento, all’ospedale di Bologna. (Continua a leggere dopo la foto)








Luca Cazzadore fino all’ultimo si è recato al lavoro – era addetto alle macchine automatiche tessili in una azienda della zona – perché la sua grande sfida era quella di fare una vita normale, mai gli sono mancate amicizia e sostegno di quanti lo conoscevano, quando c’era la notizia di un ricovero o di una crisi, partiva immediatamente il tam tam per lo scambio di notizie fra amici, conoscenti e la famiglia. (Continua a leggere dopo la foto)




Un intervento necessario, ma non privo di rischi quello a cui si è sottoposto il giovane Cazzadore. Luca sapeva bene a cosa andava incontro: “Sono andato a trovarlo il giorno prima – racconta un amico, scosso dalla tragedia – lui stesso mi aveva detto che questa volta sarebbe stata dura”. E il suo cuore, purtroppo, ha detto basta. Ha smesso di battere nella tarda serata di giovedì 11 ottobre 2018, poche ore dopo l’intervento. Un lutto che ha lasciato senza fiato un intero paese. È stata la cugina di Luca Cazzadore, via Facebook, poco dopo mezzanotte, a dire a tutti cos’era accaduto. “Sei stato l’esempio, l’amico, il cugino e il guerriero che ogni persona desidererebbe avere al proprio fianco e io non posso altro che dirti grazie”, le sue toccanti parole. (Continua a leggere dopo la foto)


 

Luca, come si legge nel manifesto funebre affisso per le vie della sua comunità, lascia un vuoto enorme: “Il papà Carlo, la mamma Ida, la sorella  Marianna con Guido, la carissima nipotina Anna,  i suoi cari amici e tutti i parenti.Le esequie avranno luogo  sabato 13 ottobre alle ore 15.30 nella Chiesa Parrocchiale di San Martino di Venezze”.

Leggi anche:

Corpo decapitato ripescato nel Po: identificata la donna. Era scomparsa

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it