Rischio salmonella, prodotti richiamati dai supermercati: ecco i lotti interessati. La nota del Ministero della Salute


Rischio salmonella negli alimenti presenti nei supermercati italiani. Nello specifico, nei richiami autorizzati in data odierna, si parla di salmonella enterica. Di cosa si tratta? Conosciuta in precedenza come Salmonella cholaeresuis, è un batterio gram-negativo, flagellato, a forma di bastoncello che appartiene al genere delle Salmonelle.  Molti casi di salmonellosi sono causati da cibo infettato da Salmonella enterica, che spesso infetta bovini e pollame, insieme ad alcuni animali domestici, tra cui i gatti e i criceti, che si sono dimostrati portatori di tale infezione nei confronti degli uomini. Tuttavia alcune ricerche nei sacchetti degli aspirapolvere hanno dimostrato che i gatti domestici hanno un ruolo come riserva di batteri; questo risulta più probabile se chi ha contatti con il gatto ha contatti con possibili fonti di infezioni come nel caso di chi lavora con capi bovini o chi lavora in cliniche veterinarie. Il pollame ruspante e le uova di oca possono contenere batteri di Salmonella enterica, principalmente nell’albume, anche se non tutte le uova sono infettate. Ed è per questo che si deve fare attenzione soprattutto alle uova. (Continua a leggere dopo la foto)



Come si legge sul sito del Ministero, infatti, tre lotti di uova di gallina fresche da allevamento a terra dell’Azienda Agricola Bosi Luigi sono state ritirate dal mercato. Le uova fresche oggetto del richiamo sono vendute in confezioni da sei unità e riportano come date di scadenza 31/10/2018 – 01/11/2018 e 02/11/2018. Il marchio di identificazione dello stabilimento/del produttore è IT X8HOM CE; “Azienda agricola Bosi Luigi Di Bosi Costanza” il nome del produttore. (Continua a leggere dopo la foto)


Le uova vengono prodotte nello stabilimento di Corfinio in provincia de L’Aquila. Motivo del richiamo – si legge negli avvisi pubblicati sul sito del Ministero della Salute – è per ‘presenza di salmonella enteritidis’. Nella data odierna il Ministero della Salute ha diffuso anche il richiamo di due lotti di marlin affumicato a marchio Bernardini Gastone, ovvero Marlin Affumicato. Anche in questo caso per la presenza di salmonella. Il prodotto interessato dal provvedimento – riporta il comunicato del Ministero – è venduto a peso in pezzi singoli con i numeri di lotto 03082018 e 09082018 e la data di scadenza 02/12/2018. (Continua a leggere dopo la foto)


 

Il marlin affumicato richiamato dal Ministero della Salute è stato prodotto da Bernardini Gastone Srl nello stabilimento di via Lavoria 83/85, a Cenaia, frazione di Crespina Lorenzana, nella provincia di Pisa. A scopo precauzionale si raccomanda di non consumare il prodotto e di restituirlo al fornitore.

Leggi anche:

Mamma tenta il suicidio in ospedale. Quella ‘brutta’ patologia… Cosa l’ha salvata