Drammatico incidente: Gianluca Carta lascia moglie e due figli. La dinamica


Una domenica di sangue quella appena trascorsa sulle strade italiane. Il Bel Paese piange due giovani centauri morti in sella alla propria moto. Un ragazzo di 25 anni è morto nel pomeriggio in seguito a un incidente stradale. D. P., sudamericano residente a Macerata, viaggiava in sella a uno scooter quando ha perso il controllo del mezzo ed è finito contro un segnale stradale. L’incidente si è verificato lungo via Vittime delle foibe, poco prima dell’incrocio per Montanello. Stando a una prima ipotesi il 25enne potrebbe aver avuto un malore. È stato soccorso dalla Croce Rossa. Vano il tentativo degli operatori sanitari di rianimarlo, durato almeno 20 minuti. Per regolare la circolazione sono intervenuti i carabinieri. (Continua a leggere dopo la foto)







Ma non solo questo incidente autonomo. Scontro mortale attorno alle 12 di domenica 16 settembre, sulla circonvallazione nord tra Olbia e Golfo Aranci, all’altezza del bivio di Suiles. La vittima è un motociclista di 34 anni, Gianluca Carta, originario di Nuoro, ma residente da alcuni anni a Telti. Il giovane avrebbe perso il controllo della sua moto e si è schiantato contro il guard rail, morendo sul colpo. Sul posto la polizia, i carabinieri, i vigili del fuoco e il 118. Gianluca Carta lascia la moglie e due figli. (Continua a leggere dopo la foto)






Gianluca lascia la giovane moglie, con cui si era sposato nel 2016 e due piccoli figli. Da sempre il giovane amava le due ruote con cui si muoveva quotidianamente. Oggi la passione per la sua moto, che guidava da anni, gli è costata la vita. Era presidente dei Blues Brothers Bikers, nota associazione di centauri. (Continua a leggere dopo la foto)




 

La morte di Gianluca ha sconvolto la piccola comunità di Telti e la città natale di Nuoro. La sua Kawasaki 600 si è scontrata violentemente contro il guard rail e per lui non c’è stato niente da fare.

Leggi anche: 

Terribile incidente, choc in Italia. Ragazzino travolto da muletto: morto

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it