“Maltrattamenti choc!”. Fugge di casa a 10 anni e salva i fratellini. Orrore in Italia. A cosa erano costretti i bambini


Mamma e papà, una casa, dei fratellini. Dovrebbe essere il quadro perfetto per un bambino per vivere la propria infanzia in totale serenità. Spesso, però, alcune famiglie risultano ‘deviate’ e si registrano al loro interno episodi da far accapponare la pelle. Violenze, papà orchi che abusano dei propri figli, raptus di follia omicida ai danni dei più indifesi. L’ultima tragedia, del resto, è arrivata nelle ultime ore: a Scarperia, in Toscana, provincia di Firenze, un bambino di un anno è stato ucciso dal papà mentre la sorellina di 7 anni si è salvata per miracolo. Un litigio con la compagna finito nel sangue. Ed è sempre la Toscana, ma questa volta Arezzo, a essere scenario dell’ennesima notizia che coinvolge i più piccoli e indifesi. A dieci anni è scappato di casa con i due fratellini più piccoli, per sfuggire ai maltrattamenti che sarebbe stati loro inflitti dai genitori. (Continua a leggere dopo la foto)







È quanto riferito dalla questura di Arezzo che si sta occupando del caso con la squadra mobile. Il padre e la madre dei tre bambini, una coppia di origine nigeriana che vive ad Arezzo, sono stati denunciati dalla polizia che ha provveduto anche a collocare i tre minori, il più piccolo ha 6 anni, in una struttura protetta. Secondo quanto ricostruito da TgCom24 ad allertare la questura è stato un passante a cui il bambino di 10 anni ha chiesto aiuto dopo essere scappato di casa. (Continua a leggere dopo la foto)






Il piccolo ha preso i due fratellini ed è fuggito via dall’abitazione: in tutta fretta e senza scarpe dopo l’ennesimo presunto maltrattamento subito. Secondo il racconto fatto alla polizia, le punizioni che i genitori avrebbero riservato ai figli andavano da aggressioni verbali al picchiarli con un bastone e un manico di scopa, al costringerli a sostenere dei pesi per ore, chiusi al buio in una stanza. Del caso, oltre alla procura di Arezzo, si sta occupando anche il tribunale dei minori di Firenze. (Continua a leggere dopo la foto)




 

Comunque, per il momento, i tre fratellini potranno tirare un sospiro di sollievo: per loro è stata attivata una delicata attività d’indagine volta a trovare riscontro circa quanto raccontato dai piccoli e, con il supporto essenziale della locale Procura, la Squadra Mobile ha provveduto a collocarli in una struttura dedicata, allontanandoli dalla coppia di ‘presunti’ genitori.

Leggi anche: 

Follia omicida, Italia sotto choc: padre uccide bimbo di un anno con una coltellata. Succede adesso

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it