“Non ce l’ha fatta”. Taranto choc: muore a soli 12 anni. La folle corsa in ospedale, poi la conferma: il tragico racconto


 

Una notizia agghiacciante che ha immediatamente sconvolto l’Italia intera per la sua drammaticità. La tragedia è avvenuta nel pomeriggio a Taranto. Una ragazzina di dodici anni è caduta da un balcone al terzo piano di uno stabile in via Cesare Battisti 167, in cui viveva. Ricoverata in gravissime condizioni, purtroppo non ce l’ha fatta. A darne notizia sono i quotidiani locali secondo cui i medici hanno accertato la morte cerebrale per la piccola. In un primo momento le speranze erano ancora accese, ma sono tramontate immediatamente. Il tragico episodio si è consumato nel primo pomeriggio per cause ancora da chiarire. Sul posto sono intervenuti i carabinieri e il 118. (Continua a leggere dopo la foto)







Secondo una primissima e sommaria ricostruzione, pare che il volo della dodicenne sia stato in qualche modo attutito dai fili di un balcone usati per stendere il bucato ma purtroppo questa circostanza non è bastata a salvarle la vita. La ragazzina è arrivata in ospedale in condizioni gravissime. Dopo l’incidente la giovane è stata trasportata d’urgenza all’ospedale SS. Annunziata di Taranto e ricoverata nel reparto di Rianimazione con numerosi traumi, ematomi, fratture e un quadro clinico subito considerato critico dai medici. (Continua a leggere dopo la foto)




E nonostante gli sforzi del personale dell’ospedale per la giovane non c’è stato nulla da fare: troppo gravi i traumi riportati nella caduta. I militari sono al lavoro per chiarire la dinamica dell’accaduto. Anche se a questo punto non è molto importante, quel che conta più di tutto è il silenzio e il rispetto per tragedia che ha sconvolto la famiglia e una città intera. (Continua a leggere dopo la foto)


 

Si attendono ora le comunicazioni ufficiali e la decisione che verrà presa per i funerali, i quali, si immagina, saranno affollatissimi. Morire così a 12 anni è inaccettabile. Anche noi, nel nostro piccolo, ci stringiamo nel dolore della famiglia e preghiamo per la piccola che non ce l’ha fatta e che ha dovuto morire in un modo così assurdo.

 

Ti potrebbe interessare anche: “Non la vogliamo più”. Adottano una bambina e la abbandonano subito, senza ripensamenti

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it