Agricoltore incornato dal toro killer: colpito alle spalle, è morto dissanguato sotto gli occhi dell’amico


Una storia incredibile e una reazione, quella dell’animale di grossa taglia, che ha sorpreso la vittima e non gli ha dato scampo, nonostante le grida e i tentativi di fermare il toro impazzito. Succede in Italia, precisamente in Toscana, a Riparbella (Pisa) dove un agricoltore di 66 anni è stato incornato da un toro di sua proprietà mentre stava pulendo il recinto dei bovini, dove si trovavano le mucche e, appunto, il toro killer, che mai prima di stamani aveva dato segni di aggressività. La vittima, Sorgi Gennai, era il titolare dell’azienda agricola di Riparbella, nel Pisano, dove è avvenuto l’incidente. La vittima, Sergio Gionnai,  era il titolare di un’azienda agricola, molto conosciuto a Riparbella. L’uomo è stato aggredito dall’animale di sua proprietà che all’improvviso lo ha caricato colpendolo in maniera violenta e facendolo cadere in un recinto e poi ha continuato a colpirlo più volte con le corna fino a lasciarlo esanime sulla terra, nella disperazione di un testimone. (Continua a leggere dopo la foto)



È stato il suo amico, che insieme a lui, si era recato stamani nell’azienda per sbrigare alcuni lavori di routine a raccontare l’accaduto e a dare l’allarme al 118: quando i sanitari sono giunti sul posto per Gennai non c’era più nulla da fare. Sono intervenuti anche i carabinieri della compagnia di Volterra ( Pisa), che hanno informato l’autorità giudiziaria dell’accaduto, ma la salma di Gennai è già stata restituita alla famiglia, mentre il toro è stato affidato all’azienda agricola gestita dai familiari dell’agricoltore. (Continua a leggere dopo la foto)


Il toro lo ha scaraventato a terra dentro al recinto e poi lo ha incornato più volte con un’inaudita ferocia provocandogli lesioni mortali in pochi attimi. L’amico è stato richiamato dalle urla dell’agricoltore, che forse ha anche cercato, senza riuscirci, di allontanarsi dal recinto, ma non ha potuto salvarlo dalla furia dell’animale. Solo in un secondo momento è riuscito a distrarre il toro e ad allontanarlo impiegando il decespugliatore con il quale stava pulendo il terreno circostante riuscendo così a trascinare il corpo di Gennai fuori dal recinto ma ormai per lui non c’era più nulla da fare.  (Continua a leggere dopo la foto)


 

Secondo quanto riferito dall’amico, il 66enne è stato aggredito all’improvviso alle spalle. Come riporta Il Tirreno, Roberto Belli, amico fraterno di Sorgi Gennai, era con lui quando è avvenuta la tragedia. Con il nodo alla gola racconta quegli attimi che non scorderà mai, quando ha visto il toro colpire a morte il 66enne. “Eravamo insieme per pulire il terreno e preparare i capanni per la caccia – racconta – poi in un attimo si è scatenata l’apocalisse. Ancora non riesco a crederci, non è possibile…”

Leggi anche:

Incidente mortale, travolto in bici: muore 13enne. Dove è successo