“Ha un coltello!”. Donna in preda a un raptus semina la follia: morti e feriti. È accaduto in Italia


 

Italia intera sotto choc dopo la tragica notizia che è arrivata dalla provincia di Mantova. Una donna, originaria dell’est Europa, ha accoltellato quattro passanti in una strada di Canneto sull’Oglio, nel mantovano. Una donna, rimasta ferita, è poi morta. L’accoltellatrice, pare di professione badante, è stata fermata. Ignote le cause del suo gesto, sul posto i Carabinieri con il comandante provinciale Fabio Federici. La persona deceduta è stata accoltellata all’interno del museo civico di piazza Gramsci, che ospita la collezione del giocattolo storico. L’accoltellatrice, fermata, è stata identificata: è di nazionalità polacca. La donna, probabilmente in preda a un raptus di follia, è prima entrata al museo civico dove ha aggredito a coltellate le persone che si trovavano all’interno e poi è uscita in strada e ha ferito altre persone. (Continua a leggere dopo la foto)






È stato Marco Quatti, il comandante della Polizia Locale di Asolo (Mantova) assieme a un gruppetto di ragazzi a riuscire a bloccare la donna polacca. L’ufficiale l’ha bloccata lanciandole contro una bicicletta all’esterno del museo civico, poi le ha dato un calcio, riuscendo così a disarmarla. “Aveva gli occhi fuori dalle orbite”, ha detto Quatti all’Ansa. (Continua a leggere dopo la foto)






Nella notte – trapela da ambienti investigativi – la stessa donna aveva aggredito una ragazza che si era fermata a prendere le sigarette ad un distributore automatico. La giovane, però era riuscita a fuggire. È una donna di 58 anni ad aver ucciso, quindi, un’altra donna di 54 anni. “Teneva in mano due coltelli da macellaio e mi veniva incontro”, ha aggiunto Quatti, che si trovava fuori servizio in visita al padre nella casa di riposo di fronte al museo. (Continua a leggere dopo la foto)



 

“Io le dicevo ‘mettili giù’ e lei mi urlava ‘vai vià, finché non si è avvicinato un mio amico in bici e io le ho lanciato la bici sulle gambe, disorientandola. Un’altra persona le ha dato una bastonata sulla mano, poi le ho dato un calcio sulla pancia e lei ha mollato i coltelli e poi è stato facile immobilizzarla”.

 

Ti potrebbe interessare anche: Travolta e uccisa da un bus a 22 anni: adesso emerge la verità choc. L’incidente è avvenuto a Roma

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it