“Via tutti, scappate”. A 5 anni, accende l’auto dei nonni e parte


 

Provate a immaginare l’assurda quanto pericolosissima situazione: un bambino di soli cinque anni, ovviamente a digiuno di manovre, freno e frizione, al volante di un’auto che sfreccia in mezzo alla folla, con i passanti inconsapevoli del rischio che stanno correndo. Una scena che, per quanto inverosimile possa sembrare, è in realtà realmente accaduta. Fortunatamente non si contano feriti nell’incidente che si è verificato mercoledì a Ceriale, nella provincia di Savona, provocato proprio da un bambino di appena cinque anni. Il ragazzino stava giocando sul sedile anteriore dell’auto dei nonni, una Citroen Cactus di colore nero, quando all’improvviso le cose sono precipitate: ha girato la chiave dimenticata nel quadro dal proprietario del mezzo ed è riuscito a mettere in moto il veicolo. La vettura ha così di colpo iniziato la sua marcia, senza che ovviamente il minore fosse in grado di controllarla. (Continua a leggere dopo la foto)






Dopo pochi metri l’auto con alla guida il bambino si è schiantata contro una panchina del lungomare distruggendola. L’episodio si è verificato mentre il bimbo, residente nel Cuneese, si trovava con i nonni e una zia al mare in Liguria. Fortunatamente in quel momento non c’erano persone su quel tratto di strada. Secondo quanto ricostruiscono i quotidiani locali, dopo il botto improvviso in tanti si sono precipitati sul lungomare per capire cosa fosse successo e la prima a dare l’allarme al 112 è stata la titolare di uno stabilimento balneare. (Continua a leggere dopo la foto)






Da quanto emerso, il bambino non era solo in auto ma con lui c’era la zia, che era seduta sul sedile posteriore ma non ha potuto fermare l’auto prima dello schianto, non riuscendo a prendere il controllo del mezzo per evitare che succedesse qualcosa di grave. Tanto lo spavento ma fortunatamente ne lei né il piccolo sono rimasti feriti. Una storia che si è conclusa nel migliore dei modi per un puro caso. (Continua a leggere dopo la foto)



 

I nonni – che ora rischiano una denuncia per abbandono di minore da parte della procura di Savona – hanno comunque preferito portare il bambino in ospedale per un controllo tanto che quando è arrivata la polizia municipale sul luogo dell’incidente non ha trovato più nessuno. “Al comando fino al pomeriggio inoltrato – hanno fatto sapere gli agenti – non si era ancora presentato nessuno”.

“Incastrata sotto le lamiere”. Alba Parietti, il tragico incidente

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it