“Che fai?!”. Una serata tranquilla, poi la paura. Fidanzatino-eroe salva la sua ragazza dallo stupro in spiaggia


Ennesimo caso di tentata violenza sessuale. Questa volta, però, il peggio è stato evitato grazie all’intervento del fidanzatino eroe. I Carabinieri della stazione temporanea di Castellaneta Marina (Taranto) e del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Castellaneta hanno sottoposto a fermo di indiziato di reato, per violenza sessuale aggravata su minore, un 31enne marocchino, senza fissa dimora. L’uomo – come ricostruito dagli inquirenti – mentre era insieme ad altri ragazzi da poco conosciuti sulla spiaggia del litorale di Castellaneta Marina, approfittando dello stato di ebbrezza alcolica di una ragazzina di 17 anni, contro la sua volontà, ha tentato di baciarla e le ha palpeggiato le parti intime, con il probabile l’intento di avere un rapporto sessuale. L’azione è stata interrotta grazie all’intervento del fidanzato della vittima che ha colpito il 31enne con una bottiglia alla testa, costringendolo a fuggire e dileguarsi. (Continua a leggere dopo la foto)






Le forze dell’ordine sono intervenute  immediatamente sul posto a seguito di una richiesta d’intervento pervenuta sul numero di emergenza 112: l’aguzzino è stato rintracciato mentre si trovava all’interno del Pronto Soccorso dell’Ospedale ‘SS. Annunziata’ di Taranto, dove era giunto soccorso da un’autoambulanza del 118. Il soggetto, irregolare sul territorio italiano, senza fissa dimora, sprovvisto di documenti e già colpito da un ordine di espulsione dal territorio dello Stato emesso dalla Questura di Palermo, è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto per violenza sessuale aggravata su minore e rinchiuso nel carcere di Taranto. (Continua a leggere dopo la foto)






Castellaneta, intanto, nella giornata di ieri è stata teatro di ‘ronde’ da parte dei militanti leghisti che hanno messo in fuga gli ambulanti presenti in spiaggia. “Domani mattina – aveva annunciato Sasso nella giornata di sabato- sarò sul posto per un presidio della Lega, le nostre spiagge le vogliamo piene di turisti e non di abusivi di giorno e stupratori di sera. Gireremo per le principali spiagge del posto, mi auguro di trovare gli uomini della capitaneria di porto e le altre autorità impegnate a fare rispettare la legge”. (Continua a leggere dopo la foto)




 

Intanto, si tratta dell’ennesimo caso di violenza sessuale di questa stagione estiva. Dopo la turista violentata a Capri e e un’altra vittima a Rimini (dove sono indagati due allievi poliziotti di Brescia), il caso ‘principe’ della stagione resta quello di Jesolo dove una quindicenne è stata stuprata in spiaggia da un senegalese.

Leggi anche: 

“Aiutatemi!”. Choc in Italia, turista stuprata in hotel da due allievi poliziotti: indagati

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it