Trovata morta in un lago di sangue. Giallo risolto: l’orribile fine di Valentina


 

Quando il fratello ha aperto la porta ha avuto l’istinto di allontanare la mamma dalla porta. Poi la disperazione nel vedere sua sorella morta, seminuda in, una pozza di sangue. Valentina Buongiorno di 31 anni è stata trovata cadavere in un appartamento di una casa Ater dell’Aquila, ad Arischia, con ferite anche profonde alle gambe. Il giallo è stato risolto, la giovane è stata uccisa dalla vetrata che lei stessa ha sfondato per entrare in casa. Nessun omicidio, quindi. Nessun segno di strangolamento né colpi alla nuca, lesioni profonde sì ma compatibili con i vetri mandati in frantumi. Questa la verità sulla morte per dissanguamento della ragazza. Ieri mattina, l’anatomo patologo della Asl dell’Aquila, Giuseppe Calvisi ha eseguito l’autopsia, presso l’obitorio dell’ospedale, alla presenza dello stesso pubblico ministero titolare del fascicolo, Fabio Picuti che ha aperto a carico di ignoti un fascicolo ipotizzando il reato di omicidio. Ipotesi che ora si è dissolta. (Continua a leggere dopo la foto)






”Era bella ed esuberante, Valentina, – si legge su Il Messaggero – come nella normalità dei suoi trent’anni. Qualche volta, forse, anche oltre. Certamente fuori dal coro, come testimonia la sua totale assenza dal mondo dei social, un unicum nell’epoca dei like sfrenati, delle storie istantanee, della vita in vetrina. E invece Valentina aveva scelto altri parametri, probabilmente senza che nessuno potesse entrare davvero nel cuore della sua esistenza”. (Continua a leggere dopo la foto)






Dopo la morte del padre è stata mamma Carmelina a tirarla su, con difficoltà e grande tenacia, insieme al fratello Leonardo, oggi impegnato nel suo lavoro ai laboratori di Fisica nucleare, con una ditta esterna. Lei, Valentina, ci aveva comunque sempre messo del suo: impieghi saltuari, a volte più stabili. Poco si sa anche della sua vita sentimentale. C’è chi parla di un compagno, chi di un ex. Ma sempre in una sfera di grande riservatezza. (Continua a leggere dopo la foto)



 


Valentina Buongiorno era stata ritrovata morta nella casa in cui abitava fino a qualche mese fa. La casa era disabitata, perché inagibile in seguito a un incendio che, nel marzo scorso, aveva devastato l’edificio: tutti i residenti, qualche tempo fa, erano stati trasferiti in locali del Progetto Case. Nei giorni scorsi erano state perquisite tre abitazioni: quella dove la ragazza è stata ritrovata priva di vita dal fratello Leonardo; quella di un uomo che risulterebbe essere il suo convivente e quella di un parente dove a volte si appoggiava in caso di necessità.

“Addio!” Lutto nel mondo della danza: è morto il celebre ballerino. Era grande amico di David Bowie

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it