Aiuto! Un’auto dell’Isis in giro per le strade italiane. E su Facebook esplode la polemica: ecco cos’è accaduto in un paesino del Centro Italia… Senza parole


 

L’Isis arriva in Italia, precisamente a Tuscania, cittadina di 8mila anime in provincia di Viterbo. Niente paura, si tratta di solo do uno scherzo, di Carnevale. Come riportato dal quotidiano online Viterbonews24, ”circa sette persone, compresi alcuni bambini, domenica scorsa hanno sfilato a bordo di una jeep (anzi, il classico pick-up ormai auto ufficiale del gruppo terroristico) mascherati da militanti dell’Isis, lo Stato Islamico, che sta seminando il panico sia in Medio Oriente sia in territorio europeo”.

(Continua a leggere dopo la foto)












Tute militari, passamontagna, maschere antigas e dotati di armi finte e di bandiere nere, il gruppo ha sfilato per le strade della città tra gli sguardi increduli dei cittadini che partecipavano alla festa. 

Nonostante la scritta sulle bandiere ”isisstronzi” e il simbolo della pace, e le salsicce al posto delle cartucce dei kalashnikov l’ironia non è bastata a calmare gli animi. Proprio su Facebook, sono stati diversi i commenti critici dei tuscanesi nei confronti dei protagonisti di questa vicenda. 

Diversa l’opinione del gruppo Obiettivo Comune, la lista del sindaco Fabio Bartolacci, che attraverso la propria pagina Facebook ha commentato: ”Quest’anno dopo tanto, il Carnevale torna in grande. Grazie al Centro Diurno Anziani Domenico Bellomarini e in particolare il gruppo di ballo, abbiamo visto sfilare un bellissimo drago cinese contornato da una miriade di maschere orientali. Anche la scuola elementare, attraverso alcuni genitori, ha allestito un bellissimo carro della Walt Disney. Un attimo di sgomento quando si è presentata una jeep con sopra alcune maschere ispirate all’Isis, una forma scaramantica per scacciare i timori e ridere sopra su cose a volte troppo serie. Per questo, noi di Obiettivo Comune, ringraziamo tutti quelli che hanno partecipato e hanno contribuito a far trascorrere una domenica di gioia a tanti bambini ma altrettanti adulti. Questo è il presupposto per poter pensare nel futuro a un appuntamento annuale con il carnevale”..

“Dopo la Francia tocca ad altri paesi”: l’Isis minaccia l’Europa. Verso una guerra permanente?

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it