Canone Rai e l’incubo degli arretrati da pagare in bolletta. Ecco la risposta ufficiale al dubbio che sta terrorizzando gli italiani


 

“In riferimento alle ricostruzioni di alcuni organi di stampa si precisa che nella bolletta elettrica, naturalmente, non saranno addebitati eventuali arretrati non pagati del canone Rai”. E’ quanto si legge in una nota del ministero dello Sviluppo economico. Luigi Coldagelli, responsabile relazioni con i media dell’ufficio stampa Rai, ha fatto sapere:

(continua dopo la foto)



 

1) Le norme che sanzionano l’evasione del canone non sono state modificate dalla Legge di Stabilità. Le modalità di riscossione del canone mediante addebito nella bolletta elettrica riguardano quindi esclusivamente i canoni maturati dal 1 gennaio 2016 e non eventuali arretrati.

2) Per quanto riguarda il canone dovuto dalle imprese che esercitano attività di vendita e riparazione di apparecchi televisivi, si ricorda che dal 2002 non è dovuto il canone ordinario per gli apparecchi televisivi che i rivenditori e riparatori tv detengono per la vendita e riparazione, come chiarito anche nelle Faq del sito www.canone.rai.it. Resta fermo, invece, l’obbligo di corrispondere il canone speciale nell’ipotesi in cui siano detenuti apparecchi televisivi per usi diversi dalla vendita o riparazione.

3) Sono stati da giorni avviati positivi contatti con Aires-Confcommercio per chiarire tutti i singoli dubbi degli associati con la consueta e doverosa finalità di offrire servizio e assistenza dell’utenza. Si ricorda infine che la Rai ha istituito il Numero verde gratuito per fornire chiarimenti ai cittadini in merito al canone tv: il servizio è attivo dal lunedì al sabato dalle ore 9 alle ore 21. 

Ti potrebbe interessare anche: Canone Rai in bolletta, tutto quello che c’è da sapere: chi dovrà pagarlo e chi invece no