Arriva in ospedale in condizioni disperate: incinta di 8 mesi e con il corpo bruciato della follia del compagno. Poche speranze ma, alla fine, ecco l’eroismo dei medici e quella piccola vita che inizia


 

Litiga con la sua compagna incinta e le dà fuoco, poi scappa ma la sua fuga termina in un incidente stradale. E’ successo a Pozzuoli (Napoli). La donna, 38 anni, è ricoverata in prognosi riservata e in gravi condizioni all’ospedale Cardarelli di Napoli, dove i medici hanno deciso di farla partorire. La bimba, nata prematura all’ottavo mese, sta bene.

(continua dopo la foto)



 

Il litigio è avvenuto in via Vecchia delle Vigne, a poca distanza dalla loro abitazione. L’uomo, un 40enne di Pozzuoli che ora si trova nella caserma dei Carabinieri di Formia , al culmine della lite ha versato dell’alcol addosso alla compagna, all’ottavo mese di gravidanza, dandole fuoco, poi è scappato a bordo dell’auto. Un vicino di casa è intervenuto spegnendo le fiamme e allertando immediatamente il 118 e i Carabinieri che si sono recati sul posto.

I sanitari hanno trasportato la donna all’ospedale Cardarelli di Napoli, dove è ricoverata in prognosi riservata al Centro grandi ustionati, in gravi condizioni, e dove è stata fatta partorire. La bimba, nonostante sia nata prematura, è sana e in buone condizioni. L’uomo ha concluso la sua fuga nei pressi del ponte sul Garigliano, al confine tra Campania e Lazio, in un incidente a bordo della proprio auto. Rimasto sul posto in stato di choc, è stato raggiunto dai Carabinieri ai quali ha raccontato quanto accaduto. E’ stato quindi portato in caserma, in attesa dell’arrivo del pm di turno. I Carabinieri di Pozzuoli e di Formia stanno procedendo a ulteriori accertamenti, in collegamento con le Procure di Napoli e di Cassino.

Caffeina by Adnkronos

(www.adnkronos.it)

Ti potrebbe interessare anche:  È rimasta incinta a 12 anni ma ha deciso di portare a termine la gravidanza. Il padre? Potrebbe non vedere mai suo figlio. Anzi, rischia…