“No!”. Sergio Marchionne, la decisione ‘choc’ (sullo spot commemorativo) avvolta nel mistero


 

Sergio Marchionne è morto il 25 luglio nell’ospedale di Zurigo dove l’ex ad della Fiat era ricoverato dal 28 giugno scorso. Sessantasei anni compiuti a giugno, il manager era stato ricoverato per sottoporsi a un’intervento alla spalla. Accanto a lui la compagna Manuela Battezzato e i figli Alessio e Tyle. La settimana prima l’azienda aveva comunicato “con profonda tristezza” l’aggravarsi improvviso delle condizioni di salute del manager italo-canadese per le “complicazioni inattese” dopo l’operazione chirurgica avvenuto nello scorso 28 giugno. Si era quindi parlato di condizioni “irreversibili”, fino alla notizia della comparsa, che ha lasciato tutti senza parole. Uno dei primi a intervenire era stato il presidente e amministratore delegato di Exor John Elkann: ”È accaduto purtroppo quello che temevamo. Sergio, l’uomo e l’amico, se n’è andato”, aveva detto a poche ore dalla morte del super manager italo-canadese. (Continua a leggere dopo la foto)







”Penso che il miglior modo per onorare la sua memoria sia far tesoro dell’esempio che ci ha lasciato – aveva aggiunto Elkann – sia coltivare quei valori di umanità, responsabilità e apertura mentale di cui è sempre stato il più convinto promotore. Io e la mia famiglia gli saremo per sempre riconoscenti per quello che ha fatto e siamo vicini a Manuela e ai figli Alessio e Tyler. Rinnovo l’invito a rispettare la privacy della famiglia”. Pochi giorni dopo era stato annunciato uno spot ricordo per celebrare la vita, il lavoro e i successi di Marchionne prima in Fiat e poi in Fca, ma adesso arriva la retromarcia. A riportare la notizia è ”Lettera43”. (Continua a leggere dopo la foto)






”C’è uno spot per celebrare gli anni di Sergio Marchionne in Fiat prima e in Fca dopo che, però, è rimasto nel cassetto. Se ne parlerà, forse, a settembre. Secondo una fonte vicina al gruppo, dopo la morte del manager l’azienda si è mossa in gran fretta per commissionare una pubblicità video che sarebbe dovuta andare in onda in tempi brevi. A occuparsene – scrive il giornale online – Olivier François, il capo del marketing. Si era optato, in particolare, per un video dove venivano giustapposte le foto del manager nel corso degli anni”. (Continua a leggere dopo la foto)



 


”Quando però il presidente di Fca John Elkann ha visionato il video, pare abbia storto il naso, non è dato sapere se perché non gli è piaciuto o perché ritiene non sia il momento giusto per un’operazione del genere. Sta di fatto che, dopo l’ondata di articoli e attestazioni di cordoglio seguiti alla morte di Marchionne lo scorso 25 luglio, è seguito un silenzio quasi totale, se si esclude la precisazione del gruppo sul fatto che Fca fosse all’oscuro delle reali condizioni del suo amministratore delegato prima di venerdì 20 luglio, quando è stata informata dalla famiglia «senza alcun dettaglio”.

“Vi spieghiamo cosa è successo”: l’ospedale di Zurigo rompe il silenzio su Sergio Marchionne

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it