“Una tragedia”. L’assurda morte di Marco: a settembre si sarebbe sposato


 

Una tragedia ha sconvolto la città di Anagni ed i molti amici e colleghi di Marco Nobrisi, un infermiere di 38 anni originario di Anagni, Comune del frusinate. La tragedia si è consumata intorno alle 22:00 di domenica 29 giugno in piazza Eschilo, dove l’uomo si era trasferito con la compagna per questioni di lavoro. Ancora da accertare le cause della morte: l’ipotesi più probabile sarebbe che Marco, figlio di Riccardo, storico commerciante anagnino titolare dell’omonimo negozio che aveva sede lungo corso Vittorio Emanuele, sia caduto dal balcone della sua abitazione. Sotto choc la fidanzata, a cui i sanitari del 118 hanno effettuato un massaggio cardiaco dopo la scoperta della caduta del compagno dal balcone. L’autorità giudiziaria ha disposto l’esame autoptico per determinare quale sia stata l’esatto dinamica di quanto accaduto. La salma dell’infermiere si trova ora presso l’ospedale di Tor Vergata. (Continua a leggere dopo la foto)



La notizia della scomparsa del giovane professionista, ha lasciato sgomenta l’intera città. Marco lascia la compagna con cui si sarebbe dovuto sposare a settembre e un figlio piccolo. Dai rilievi effettuati dagli investigatori sembrerebbe si sia trattato di una tragica fatalità. Ma a seguito di tale fatto il magistrato di turno ha voluto vederci chiaro ed ha disposto l’esame autoptico sulla salma che è stata portata a Tor Vergata. (Continua a leggere dopo la foto)


L’uomo da quello che si è appreso sarebbe deceduto sul colpo. Sul posto sono arrivati i sanitari del 118 che, purtroppo, non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. Il medico ha dovuto fare il massaggio cardiaco della fidanzata di Marco, colta da un malore poco dopo essersi accorta della tragedia. Dopo l’esame autoptico la salma verrà trasportata nella cappella di famiglia ad Anagni. Il 38enne verrà tumulato accanto alla tomba del padre che aveva perso già da qualche anno. (Continua a leggere dopo la foto)


 


Sulla pagina del 38enne amici e parenti hanno lasciato messaggi di cordoglio: “Fratellino mio – scrive un suo amico sulla propria pagina social – sei un angelo ora. Abbraccia tutti ovunque tu sia sei sempre stato un Vero Santo, chi ti ha conosciuto lo sa. Damiano Maria ti Vuole Felice e rendilo Felice per Sempre. Eravate così perfetti a settembre il tuo matrimonio e poi un altro bimbo al ritorno del viaggio di nozze, era tutto pronto”.

“È morto”. Scontro in autostrada: l’investitore positivo all’alcol test. Lutto cittadino