Omicidio Meredith, parla Rudy Guede: “Io colpevole? Ecco cosa è successo…”. La versione ufficiale dell’unico condannato per quella terribile storia


 

Rudy Guede, l’unico condannato per l’omicidio di Meredith Kercher, la studentessa inglese uccisa a Perugia la notte del primo novembre del 2007, esce allo scoperto e decide di parlare di quella drammatica vicenda.

(Continua a leggere dopo la foto)







L’ivoriano, che all’epoca dei fatti aveva 21 anni, è stato processato con rito abbreviato e poi condannato per concorso in omicidio, in via definitiva, a 16 anni di reclusione. Dopo la definitiva sentenza della Cassazione, che ha fatto uscire di scena Raffaele Sollecito e Amanda Knox, Guede è rimasto l’unico a dover pagare per l’omicidio di Meredith. Di fronte alla giornalista Franca Leosini della trasmissione “Storie maledette”, in onda su Raitre, ha deciso di raccontare la sua versione.

“Guede ricostruisce dei fatti a cui puoi credere o meno – ha spiegato Leosini in un’anticipazione del quotidiano Il Messaggero – Ma quello che emerge è che si tratta di una persona preparata, con un linguaggio elegante. Niente a che vedere con il ladruncolo che è stato descritto subito dopo il delitto”. “Io sono l’unico condannato – avrebbe raccontato Guede – e sono certo di quello che dico, al 101 per cento, perché ho avuto modo di conoscere tutte e due le ragazze, ma soprattutto ho conosciuto Amanda Knox”.

L’uomo avrebbe poi aggiunto di non essere il responsabile dell’omicidio: “Non è stata trovata alcuna traccia del mio Dna sul coltello col quale Meredith è stata uccisa. E anche la simulazione del furto nella casa conferma quello che dico”.

“Sono stato descritto come un ladruncolo, un bugiardo. Me se così fosse avrei avuto altre denunce, qualche condanna. Non sono un santo, ma ho fatto le cose che fanno tutti i ragazzi della mia età. E quando mi sono trovato nella casa del delitto sono fuggito perché ho avuto paura. Nessuno mi avrebbe creduto. Ho pensato: negro trovato, colpevole trovato. Le indagini successive, fatte malissimo, mi hanno dimostrato che avevo ragione”.

Omicidio Meredith, parla Rudy Guede: “Ora basta, la verità è questa”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it