Ylenia Carrisi, notizia choc dalla Germania: “Nuovi indizi portano a lei”. Filtrano voci: cosa sta succedendo


 

Il mistero di Ylenia Carrisi va avanti da 24 anni e mezzo ma oggi si registra una nuova, possibile svolta. La figlia di Albano Carrisi e Romina Power è scomparsa da New Orleans il 1 gennaio del 1994, il giorno dell’ultimo contatto telefonico con i genitori. “Ci sarebbero nuovi indizi che portano alla donna – scrive il settimanale Sono, riprendendo la rivista tedesca Frau Aktuell -, ma i dettagli dell’investigazione non sarebbero stati diffusi perché le indagini sono ancora in corso. In passato erano già trapelate notizie simili, come quando furono diffusi dei rumors sulla presenza della figlia di Al Bano e Romina Power in un convento greco-ortodosso di Phoenix, in Arizona”. Il primo sospettato è stato il compagno e musicista di strada Alexander Masakela, contro cui però non sono mai state trovate prove sufficienti per una incriminazione. Oggi, Albano si è convinto della morte della figlia, tanto da presentare nel 2013 una istanza di dichiarazione di morte presunta al tribunale di Brindisi. (Continua dopo la foto)



Romina è invece ancora convinta che Ylenia sia viva. “E’ una bufala maledetta dove non c’è neanche mezza verità. I settimanali tedeschi sono i peggiori, stanno inventando balle, scavi, tombe. Pur di vendere copie si venderebbero l’anima, come è già accaduto con una una televisione spagnola cui ho fatto causa”, ha raccontato il cantante di Cellino San Marco. Da queste dichiarazioni choc da parte della polizia che ancora segue il caso sono passati ormai altri sette anni e nel complesso si è arrivati a 24 anni dalla scomparsa di Ylenia. Dalla sera del 31 dicembre 1993 di lei non si ha più traccia e la ragazza sembra essere sparita nel nulla. (Continua dopo la foto)


Mentre il cantante si è arreso all’idea di non riabbracciare più la sua bambina, mamma Romina continua a lanciare appelli sul web in modo da diffondere ancora il suo viso così che magari qualcuno possa riconoscerla. Tante parole e false testimonianze sono state diffuse su Ylenia Carrisi ma fino ad oggi nessuno è riuscito a svelare il mistero sulla sua scomparsa. L’ultimo dialogo di Ylenia con la famiglia, appunto, risale al 1 gennaio 1994 (31 dicembre 1993 in Louisiana a causa del fuso orario). (Continua dopo la foto)


 


Una telefonata tranquilla con mamma Romina, un po’ più agitata con papà Al Bano, contrariato dal fatto che la figlia si trovasse nuovamente a New Orleans. Da allora non si hanno più notizie. Primo indagato il compagno e trombettista di strada Alexander Masakela, il quale lasciò sempre forti sospetti nei genitori della ragazza e che così fu il primo accusato della sua misteriosa scomparsa.

Ti potrebbe anche interessare: “Svolta dopo 24 anni?”. Scomparsa Ylenia Carrisi: cosa è successo a New Orleans