Prima solo un fastidio, poi un forte dolore all’occhio. Va dal medico e lì la scoperta choc


 

Accusava un fastidio all’occhio. Niente di grave, ha pensato. Poi si è fatto persistente, ma lì per lì non si è allarmata. Ma quando di notte quel fastidio si è trasformato in dolore, allora la ragazza ha deciso che era meglio andare a farsi visitare dalla guardia medica. Non era preoccupata, era convinta che fosse una semplice congiuntivite o qualcosa di simile. Magari un’irritazione. Si sbagliava di grosso. Come riporta l’Unione Sarda il problema non era affatto tra i più banali. Tutt’altro. Era inquietante. I medici che l’hanno visitata sono stati chiari: alcune larve di insetto si erano assiepate nel suo bulbo oculare. Siamo nel cuore della Sardegna, a Siurgus Donigala, paese da cui proviene la protagonista di questa disavventura, e, come ricostruisce in quotidiano sardo, in pratica una mosca parassita, dopo aver ronzato intorno al viso della giovane, avrebbe “sparato” alcune uova nel suo bulbo oculare. (Continua dopo la foto)



Le uova in questione dapprima erano minuscole, poi sono cresciute di dimensione e infine si sono schiuse. Ecco perché il fastidio era diventato un forte dolore. Quello che è accaduto alla ragazza è un caso raro, ma può avvenire nelle campagne, quando si è a contatto con gli animali, come spiega sempre L’Unione Sarda. “Tali mosche si aggirano soprattutto tra le greggi e spesso fanno i loro ‘nidi’ negli occhi delle pecore”, si legge nell’edizione online del quotidiano di riferimento del sud della Sardegna. (Continua dopo la foto)


Questa volta è toccato alla ragazza, che stava tornando dalla palestra, ma l’oculista che l’ha visitata si è accorto subito di quale fosse il problema ed è riuscito a intervenire prima che i piccoli vermi potessero fare danni. Collirio e antibiotici e non ci saranno conseguenze per lei. Un caso analogo, ma ben più grave e raro, era avvenuto a marzo scorso negli Usa. Abby Beckley, di Grants Pass, nell’Oregon, da giorni aveva mal di testa e un occhio arrossato. (Continua dopo la foto)


 


Ma non poteva certo immaginare che nel suo occhio sinistro si fossero ‘rintanati’ 14 vermi, pronti a venire fuori come fossero ciglia. Abby è stata la prima persona al mondo a essere infettata da questo tipo di parassita, osservato in precedenza solo nei bovini. I medici hanno deciso di non trattare Abby con degli antiparassitari per evitare che i vermi morti causassero cicatrici corneali che potessero danneggiarle l’occhio e ci sono voluti 20 giorni per estrarre 14 vermi. Ma fortunatamente l’occhio non ha subito conseguenze.

Provano ad avere il loro terzo figlio, ma quando vanno dal medico per un’ecografia, il dottore li guarda e non sa come informarli di quella notizia