Furti, occhio ai segnali: come riconoscere se la tua casa è finita nel mirino dei ladri


 

Estate: si va in vacanza, sì, ma torna l’incubo dei furti in casa. Periodo d’oro per i ladri d’appartamento, che approfittano dell’assenza dei proprietari per agire indisturbati. Ecco perché, repetita iuvant, meglio non sbandierare ai quattro venti sui social network che si è in partenza. Un classicone: arrivano le tanto sognate ferie e tutti a condividere la propria gioia in rete, magari pubblicando pure informazioni sul rientro, oltre alle foto della vacanza. Evitate, perché così fate sapere ai ladri quando possono agire indisturbati. E al ritorno potreste ritrovare l’amarissima sorpresa della casa svaligiata. Prima, quando non c’erano internet e piattaforme social, il problema non si poneva. I social sono solo uno dei tanti ‘strumenti moderni’ di cui si servono i ladri per individuare l’appartamento ideale da saccheggiare. Ma, come ricostruisce il quotidiano Il Giorno, non pensate che i ‘vecchi metodi’, le tecniche di una volta, siano superati. (Continua dopo la foto)



Meglio fare un ripassino dei segnali che, se riconosciuti in tempo, possono rivelarci se la nostra casa è finita nel mirino dei malviventi. Cominciate a prendere appunti. I casi più recenti scoperti a Milano e dintorni, scrive il quotidiano, rivelano che tra i ladri è ancora ‘di moda’ il trucchetto dei fili invisibili. Fili che vengono collocati davanti la porta di ingresso per verificare se ci sia stato o meno un ingresso in casa. (Continua dopo la foto)


Come accorgersene, oltre a notare la presenza o meno dei fili? Facilmente i ladri potrebbero aver lasciato piccole tracce di colla intorno ai bordi della porta. E sempre a proposito di ingresso, anche lo zerbino fuori dalla porta potrebbe rappresentare un segnale utile ai topi d’appartamento. Agli addetti alla pulizia del condominio, si legge ancora, si potrebbe chiedere di non lasciarlo arrotolato dopo il loro passaggio, o magari lo si può chiedere a un vicino, così da evitare di segnalare la propria assenza. (Continua dopo la foto)


 


Discorso analogo anche per la posta che, quando si è fuori casa, in vacanza, tra lettere e volantini pubblicitari potrebbe accumularsi. Fate attenzione a questi dettagli. Non è un caso che sia in crescita il numero di italiani in cerca di una polizza sulla casa. Lo afferma un’analisi di Facile.it, secondo cui le richieste di questo tipo di assicurazioni sul portale sono salite del 13% nei primi 5 mesi dell’anno, rispetto allo stesso periodo del 2017. E il 63,5% dei casi, gli intervistati hanno indicato l’arrivo di ladri in casa come timore numero uno proprio del periodo estivo.

“I ladri!”. Solo in casa si nasconde nell’armadio. Impaurito, attende che gli intrusi vadano via. E mentre è là dentro sente un rumore agghiacciante…