“Bye bye, vacanze!”. Ryanair, sciopero generale: “400 voli a terra”. La preoccupazione di migliaia di italiani


 

Dite la verità, non vedete l’ora di partire per le vacanze estive. Non ne potete più di correre a destra e a manca alla ricerca di risolvere tutti i problemi a lavoro e a casa, che in questo periodo sembrano moltiplicarsi. Sì, è così per tutti, niente di strano. Però forse è il caso che siate preparati a questa nuova potenziale batosta che state per prendere. Non vi dovete preoccupare di figli, datore di lavoro o amici, ma di Ryanair. Proprio così, gli assistenti di volo e i piloti della compagnia low cost europea hanno, infatti, annunciato uno sciopero per i prossimi 25 e 26 luglio, confermato anche da Filt Cgil e Uiltrasporti. L’interruzione del servizio riguarda, al momento, il personale di cabina basato in Italia, che incrocerà le braccia per 24 ore il 25 luglio, e quello di Spagna, Portogallo e Belgio, che si fermerà il 26 luglio, creando non pochi disagi ai consumatori in procinto di partire per le ferie estive. Il motivo alla base di questa decisione, come hanno spiegato i lavoratori in una lettera inviata al Corriere della Sera, riguarda la richiesta di migliori condizioni di lavoro, il rispetto dei diritti per gli assunti di ciascuno Stato in cui opera la compagnia, un aumento delle retribuzioni e l’avvio di un tavolo per la negoziazione di un accordo collettivo. (Continua dopo la foto)



Lo sciopero del 25 e 26 luglio si inserisce nel quadro di agitazione generale che sta attraversando Ryanair negli ultimi mesi. Soltanto due giorni fa i piloti della compagnia low cost con base in Irlanda avevano proclamato, per giovedì 12 luglio, uno sciopero di 24 ore: una data non casuale, che segna l’inizio delle vacanze e la protesta rischia di colpire migliaia di viaggiatori. In totale, sono decine le richieste avanzate dai lavoratori in protesta, dalla richiesta di non far pagare più divise, cibo e acqua, alla competizione su chi vende più prodotti a bordo dei velivoli, ai permessi per malattia. (Continua dopo la foto)


Dura è stata la risposta dell’azienda, che ha replicato definendo “senza senso” le rivendicazioni del personale di cabina. “Gli assistenti di volo guadagnano fino a 40mila euro l’anno, più del doppio della retribuzione necessaria a vivere – si legge nella nota – i loro turni sono fissi sul 5-3 (5 giorni di lavoro e 3 di riposo) e non possono volare per più di 900 ore l’anno”. Il Corriere della Sera, che per primo ha accolto il botta e risposta tra dipendenti e azienda, ha calcolato che potrebbero essere cancellati circa 400 voli in partenza dall’Italia, creando disagi a migliaia di passeggeri che potrebbero dover addio alle vacanze o che potrebbero essere costretti ad arrivare in ritardo alla propria meta. (Continua dopo la foto)


 


“La nostra battaglia di civiltà, legalità e dignità per i lavoratori e le lavoratrici di Ryanair non si fermerà fino a che la proprietà della compagnia non comprenderà che l’approccio sinora tenuto dal management è contrario agli interessi degli azionisti, dei dipendenti e dei passeggeri”, hanno sottolineato Filt Cgil e Uiltrasporti, chiedendo l’intervento del ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, e quelli dei Trasporti, Danilo Toninelli, affinché “le imprese straniere che operano in Italia rispettino le leggi del nostro Paese e non eludano né le sentenze della magistratura, né i diritti dei lavoratori garantiti dalla Costituzione”.

Ti potrebbe anche interessare: “Qua non ci sto”. Panico sul Ryanair: prende il suo trolley e lo fa davvero. “Matto!”. Il video di quei drammatici momenti: “Ho un attacco di asma, devo respirare”, poi l’apertura del portellone