“Un boato fortissimo”. Roma, esplode palazzina: è choc. Immediato l’intervento dei vigili del fuoco


 

Le fughe di gas sono estremamente pericolose e a volte mortali, come ci ricorda troppo spesso la cronaca. L’aria satura di monossido di carbonio è in grado infatti uccidere in pochi minuti, soprattutto se le persone sono colte nel sonno, inoltre la presenza di gas comporta il rischio di esplosioni e conseguenti crolli. Sono purtroppo frequenti gli episodi in cui, proprio a causa di una fuga di gas, esplodono intere palazzine, provocando anche perdite di vita umane. Ed è proprio di questo che parliamo anche oggi: un’esplosione per una fuga gas al piano terra di un palazzo di via Eligio Possenti, in zona La Storta, alla periferia di Roma. Sul posto vigili del fuoco e polizia. Secondo quanto si è appreso, ci sono due feriti. Si tratta di una persona che si trovava al piano superiore e di un pompiere rimasto ferito durante le operazioni di soccorso. Il palazzo è stato sgomberato. Sarebbe una bombola di gas ad essere esplosa nell’appartamento al pian terreno di un palazzo di via Eligio Possenti, alla periferia di Roma. (Continua a leggere dopo la foto)








Da una primissima ricostruzione sembra che uno dei due feriti stesse saldando un tubo vicino alla bombola che, a causa di una fuga di gas, è esplosa facendo crollare un muro. Nell’appartamento si è poi sviluppato un incendio. Al momento sembrerebbe che non ci siano danni ad altri appartamenti. Le cronache sono piene di episodi di questo tipo: tra i più recenti possiamo ricordare quello avvenuto qualche tempo fa ad Arnasco, in provincia di Savona, dove hanno perso la vita 5 persone, mentre proprio una fuga di gas sembra essere responsabile anche dell’esplosione avvenuta recentemente in una palazzina dei Navigli, a Milano. (Continua a leggere dopo la foto)




Il gas, GPL o metano, viene usato nella maggior parte delle abitazioni per alimentare stufe, impianti di riscaldamento e cucine, per cui rappresenta un pericolo concreto da non sottovalutare. In particolare, durante l’inverno, in virtù dell’intenso funzionamento di caldaie e stufe, il rischio di fughe aumenta ancora di più. Per questo, oltre a seguire scrupolosamente tutte le norme di sicurezza in fase di installazione e manutenzione degli impianti, è importante prevenirle, saperle riconoscere e agire. Per prevenire una fuga di gas ci sono poche regole di manutenzione degli impianti e alcune semplici norme comportamentali da seguire… (Continua a leggere dopo la foto)


 

• far eseguire un controllo periodico della caldaia da parte di un tecnico qualificato (controllo del resto obbligatorio) • installare la caldaia in un luogo in cui è garantito il ricambio d’aria, preferibilmente all’esterno della casa • non utilizzare la stessa canna fumaria per più di un impianto, perché il monossido di carbonio, anziché essere allontanato, potrebbe rientrare in casa attraverso un’altra apertura • sostituire ogni 5 anni il tubo che porta il gas ai fornelli (su di esso è stampata la data di scadenza) • chiudere il rubinetto del gas quando ci si assenta per qualche giorno o tutte le sere la bombola, per i dispositivi che la utilizzano • se avete vecchi modelli di cucina, accertatevi che le manopole del gas siano perfettamente chiuse e non lasciate i fornelli accesi esposti a correnti d’aria che potrebbero spegnere la fiamma facendo però continuare a uscire il gas.

 

Ti potrebbe interessare anche: “È esploso”, Italia sotto choc: due morti. Il boato si è sentito in tutta la città, immediati i soccorsi ma si è capito subito che la situazione era gravissima. Diversi anche i feriti

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it