Marta, la giovane mamma morta col piccolo che portava in grembo. A pochi giorni dalla tragedia arriva la decisione del marito con una toccante lettera: ecco cosa farà…


 

Proprio sulle pagine del blog dedicato ai viaggi, quelle pagine che tante volte avevano raccolto emozioni e immagini della coppia, Chris ha voluto ricordare Marta Lazzarini, la giovane morta pochi giorni fa all’ospedale insieme al piccolo Leonardo, il figlio che portava in grembo.

E lo ha fatto annunciando un progetto, un viaggio per tutti i più bei borghi d’Italia per raccogliere fondi per finanziare la ricerca sulle malattie rare. Ecco la toccante lettera da Blog di Viaggi.

(Continua a leggere dopo la foto)








”La nebbia non permette di vedere bene ma anche se non vedi, la tua strada la sai o per lo meno per me è così e non sono solo, lei e Leonardo sono con me.

Marta adorava donare.

Marta faceva sorridere tutti, anche quelli che da ridere hanno ben poco.

Marta amava l’Italia e tutti i bei luoghi che solo il nostro paese riesce ad offrire.

Sto organizzando, partirò per un giro d’Italia a piedi, è quello che Marta vuole. Visiterò i borghi meno conosciuti, ve li farò scoprire. I miei due angeli vedranno tramite i miei occhi e con loro anche chi vorrà seguirmi, sia virtualmente che fisicamente.

E come le bellezze dei borghi che pochi conoscono ci sono malattie così rare che neppure il governo riesce a finanziare, cose che porterò sotto gli occhi di tutti, raccoglierò fondi per aiutarli, il male finisce quando comincia il bene.

Un viaggio itinerante con lei virtualmente per mano e Leonardo sulle spalle. Non sto fuggendo, non pensatela così, il senso è quello di dare un significato alla vita che con i suoi oscuri disegni e le sue cose materiali ci confonde un po’ tutti.

L’organizzazione mi impegnerà per un po’ ma vi prometto che partirò molto presto. Seguitemi numerosi, l’Italia è piena di cose belle, di cuori buoni e di persone da aiutare.

Sono sicuro che amici, colleghi blogger, associazioni e molti altri mi tenderanno la mano, perchè credo nel buon cuore italiano, credo in tutti voi”.

Dolori allo stomaco e sintomi di una banale gastroenterite: poi il ricovero all’ottavo mese di gravidanza e l’ennesima tragedia in ospedale. La triste storia di Giovanna commuove l’Italia

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it