Strage di Latina: “Antonietta si è risvegliata”. Come sta e cosa sa della tragedia che ha portato all’uccisione delle sue due bambine per mano di suo “marito”. I dettagli di una vicenda che ancora sciocca tutti


 

Strage di Latina, Antonietta Gargiulo si è risvegliata, almeno stando a quanto scritto da Tgcom24. La madre di Alessia e Martina, uccise dal padre Luigi Capasso nella folle tragedia che ha scioccato tutta l’Italia, è ancora ricoverata all’ospedale San Camillo di Roma, ma avrebbe ripreso conoscenza. Non è chiaro se i famigliari l’abbiano già informata di quanto accaduto alle figlie, uccise a colpi di pistola dall’ex marito carabiniere. L’aspetto della comunicazione dell’accaduto è delicato, molto delicato. Per giorni Antonietta non ha saputo nulla del destino delle due bambine di cui ancora non è stato celebrato il funerale. I familiari hanno aspettato che la mamma si riprendesse e fosse informata della situazione per capire quando fissare la cerimonia funebre. La signora Gargiulo è stata raggiunta da tre proiettili sparati dal marito: uno l’ha colpita alla spalla, uno all’addome e il terzo alla mandibola. (Continua a leggere dopo la foto)



Proprio a causa di quest’ultimo, la donna è stata operata con successo al volto. In questi giorni è rimasta sedata nel suo letto d’ospedale, ma nelle ultime ore si starebbe lentamente riprendendo in attesa di conoscere la terribile verità. Stando a quanto riporta ancora Tgcom, non respira ancora autonomamente, non può parlare ma risponde agli stimoli esterni di sanitari e parenti. (Continua a leggere dopo le foto)



 

Il fratello e le sorelle che le stanno attorno, hanno iniziato a parlarle di quanto successo. Ieri pomeriggio oltre 5mila persone hanno partecipato a una fiaccolata organizzata a Cisterna di Latina in ricordo di Alessia (13 anni) e Martina (7 anni) Capasso. “Cisterna vi porterà per sempre nel cuore”, recitava il grande striscione alla testa del corteo. E’ uno degli atti più drammatici mai accaduti.

 

Ti potrebbe interessare anche: “Lo sai che papà…”. Omicidio Latina. La telefonata da brividi di Luigi Capasso. Le parole del carabiniere alla figlia maggiore Alessia e alla moglie Antonietta pochi mesi prima della strage