Trenitalia, nuove regole per chi viaggia: ecco cosa cambia in caso di ritardo o cancellazione dei treni


 

Buone notizie per tutti gli usufruitori di treni. Cambiano le regole per i viaggiatori e pendolari di Trenitalia che hanno diritto a un’indennità di rimborso per ritardi o un bonus per malfunzionamenti nel sistema di climatizzazione dei vagoni. Le novità riguardano i treni nazionali, cioè le Frecce e gli Intercity, introducendo la possibilità di avviare i reclami dopo solo 24 ore dal viaggio. Per quanto riguarda i ritardi, in base a una direttiva europea, già oggi è possibile richiedere un bonus sul prezzo del biglietto per ritardi comrpesi tra i 30 e i 59 minuti. Per iniziativa propria, Trenitalia ha deciso di applicare per ritardi compresi tra i 60 e 119 minuti la possibilità di scegliere tra un indennizzo diretto in denaro, oppure un bonus pari al 25% per l’acquisto di un nuovo biglietto.

(continua dopo la foto)








Lo sconto per un altro viaggio sale al 50% se il ritardo risulta superiore ai 120 minuti. Per gli abbonati invece, le nuove regole riguardano anche i pendolari abbonati Av, che possono richiedere il rimborso dalle 24 ore dopo la scadenza dell’abbonamento. Nelle casistiche rientrano anche i possessori di biglietto “globale” o “globale misto”, cioè per chi ha dovuto viaggiare su diversi treni nazionali o su treni sia nazionali che regionali.

Ti potrebbe anche interessare: L’Antitrust condanna Trenitalia: “Multe troppo care per chi è senza biglietto”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it