Omicidio Loris Stival, c’è chi parla di ‘svolta’ a breve. Intanto, ecco l’ultima ‘mossa’ della mamma Veronica


 

Su tanti giornali si parla di svolta nelle indagini. Ed effettivamente qualcosa sembrerebbe muoversi, sarebbe infatti appena terminato, dopo circa 5 ore, l’interrogatorio in carcere di Veronica Panarello, la mamma del piccolo Loris Stival. La mamma avrebbe chiesto di essere ascoltata dal sostituto procuratore di Ragusa, Marco Rota. Stamattina, al carcere di Agrigento, è arrivato anche l’avvocato Francesco Villardita che, però, non ha rilasciato dichiarazioni. Non è ancora trapelato, invece, il contenuto dell’interrogatorio anche se – stando alle prime indiscrezioni – potrebbe essere stata la stessa Panarello a richiederlo, a pochi giorni dall’udienza preliminare che si sarebbe dovuta tenere il 19 Novembre a Ragusa ma che potrebbe slittare di 24 ore.

(continua dopo la foto)








Sono giorni concitati questi, alcuni giorni fa, infatti, come emerso sulle pagine del quotidiano “La Sicilia”, la Panarello avrebbe convocato in carcere il marito Davide e gli avrebbe confessato di  aver portato il figlio a scuola quella maledetta mattina del 29 Novembre 2014. Dichiarazioni che, di fatto, “cozzano” con la versione dei fatti resa agli inquirenti subito dopo il delitto (e nei mesi successivi). “Mi stai facendo venire i dubbi, può essere che hai ragione tu, che io mi ricordi di averlo lasciato e invece… sia rientrato a casa. Ma quando sono rientrata non c’era più. Io non l’ho toccato, questo è sicuro. Io tutto quel male non glielo potevo fare” dichiarava la donna in un colloquio con il marito.  E ancora: “Tu ora mi stai facendo venire un altro dubbio. E se io mi ricordassi il ricordo del giorno prima..”. Tanti dubbi, sopratutto in prima persona per la Panarello, ancora unica sospettata per l’omicidio del suo piccolo e indifeso Loris. Più tardi ulteriori aggiornamenti.

Ti potrebbe anche interessare:  “Ti perdono un amante, non l’omicidio di nostro figlio”: che succede tra i genitori di Loris

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it