Delitto di Ancona, ormai è ufficiale: i medici hanno sciolto la prognosi. Ecco il (tragico) destino che attende il padre “colpevole” di contrastare l’amore della figlia


 

È in coma irreversibile, nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Torrette ad Ancona, Fabio Giacconi, il sottufficiale dell’Aeronautica ferito a colpi di pistola dal fidanzato della figlia, Antonio Tagliata, 18 anni, in stato di fermo con la ragazza di 16 anni.

 

(Continua dopo la foto)



Come ricorda Repubblica, il ragazzo ha confessato l’omicidio della madre della giovane, Roberta Pierini e il ferimento del padre. L’udienza di convalida del fermo dovrebbe tenersi domani, giorno in cui è fissata anche l’autopsia sul cadavere della Pierini. I pubblici ministeri incaricati del caso, Andrea Laurino per Tagliata, e Anna Weger della procura dei minori per la sedicenne, continuano nel frattempo a raccogliere le testimonianze di vicini e familiari dei Giacconi e di Tagliata.

Si cerca di completare il quadro del delitto, scatenato, sembra, dalla contrarietà dei Giacconi alla storia d’amore dei due ragazzi e soprattutto chiarirne le dinamiche precise, visto che i due fidanzatini hanno preso ad accusarsi l’un l’altra. Sull’arma sono stati eseguiti anche accertamenti relativi alle impronte e al Dna di chi l’ha maneggiata. Esami di laboratorio cercheranno di risalire anche al numero di matricola della pistola, cancellato. Antonio Tagliata è rinchiuso in carcere, la sedicenne si trova in una comunità protetta.

Ti potrebbe interessare anche: Delitto di Ancona, i due fidanzatini si accusano a vicenda di aver ammazzato la mamma di lei e ridotto in fin di vita il papà. E spunta un biglietto che mette i brividi….